Scholarly article on topic 'Gli obiettivi della ricerca nei prossimi 10 anni'

Gli obiettivi della ricerca nei prossimi 10 anni Academic research paper on "Agriculture, forestry, and fisheries"

0
0
Share paper
Academic journal
Italian Journal of Medicine
OECD Field of science
Keywords
{""}

Academic research paper on topic "Gli obiettivi della ricerca nei prossimi 10 anni"

Italian Journal of Medicine (2010) 4S, S42—S43

disponibile su www.sciencedirect.com

m%0 ScienceDirect

journal homepage: www.elsevier.com/locate/itjm

Gli obiettivi della ricerca nei prossimi 10 anni

Giancarlo Agnelli

Dipartimento di Medicina Interna e Cardiovascolare - Stroke Unit, Université di Perugia

Il percorso cosiddetto "itinerary loop'' proposto già dagli anni'80 (Fig. 1) e che vale la pena di seguire per la ricerca clinica, indipendente o industriale, parte da un bisogno clinico insoddisfatto. Da un'analisi condotta all'inizio del 2010 presso il Dipartimento di Medicina Interna e Cardiovascolare — Stroke Unit dell'Università di Perugia, si evince che circa il 40% dei comportamenti clinici esula da evidenze riportate in letteratura e solo il 17% delle attivita assisten-ziali si fonda su raccomandazioni di livello 1A. La presenza di un "need" medico, conoscitivo o diagnostico/terapeutico e rilevante da un punto di vista sanitario, à la condi-zione di base e il presupposto per un impegno di ricerca orientato all'approfondimento delle conoscenze e all'iden-tificazione di un percorso assistenziale (comprendente far-maci, procedure ecc.) innovativo (nuovo intervento). Per dare attendibilita a cià che viene studiato, à necessario applicare la corretta metodologia di ricerca, che à fondamentale conoscere e che per esempio potrebbe essere insegnata dall'Universita attraverso le Scuole di Specializ-zazione. Da ultimo, si dovrebbe arrivare a un cambiamento nella pratica clinica, cosa che per molti motivi spesso non accade.

Per il futuro della ricerca, e in particolare di quella indipendente, un concetto importante riguarda il rapporto fra gli studi di intervento e quelli di tipo osservazionale. Generalmente si tende a ritenere che la ricerca clinica d'intervento sia di rilevanza maggiore rispetto alla ricerca clinica osservazionale, ma cio non e sempre vero. È neces-sario avere presente che queste due dimensioni della ricerca si caratterizzano per il diverso carattere informativo dei dati prodotti. I risultati ottenuti con la ricerca d'intervento sono spesso molto robusti, ma specifici per popolazioni selezio-nate di pazienti. Gli studi osservazionali, invece, forniscono informazioni in contesti metodologici meno rigorosi, ma con il pregio di essere maggiormente generalizzabili. In una

visione moderna della ricerca clinica, gli studi d'intervento e gli studi osservazionali dovranno pertanto trovare la possi-bilita di esprimersi contribuendo sia gli uni sia gli altri, attraverso le proprie peculiarita, al miglioramento comples-sivo delle conoscenze.

Le opportunita della ricerca clinica indipendente sono rappresentate dal fatto che:

• sia non profit e quindi, in teoria, maggiormente libera da condizionamenti di carattere finanziario. Questo punto meriterebbe in realta un complesso approfondimento, tenuto conto di quanto sia arduo pensare che, nel mondo reale, una innovazione di significato rilevante da un punto di vista clinico non generi opportunita da un punto di vista economico;

• si orienti su outcome clinici (quindi non si perda tempo con endpoint surrogati);

• possa permettersi tempi piu lunghi di osservazione per i propri studi;

• possa utilizzare GCP "piu morbide'' (non sempre vero, in quanto, per competere in qualitó con la ricerca non indi-pendente, il monitoraggio e l'allestimento dei farmaci sono comunque impegnativi in termini organizzativi e di costo);

• richieda meno documentazione cartacea;

• possa seguire vie preferenziali per quanto concerne i per-corsi etico-amministrativi;

• segua un approccio pragmatico (purche ció non giustifichi carenze metodologiche);

• presupponga integritó degli sperimentatori (anche perché hanno la possibilita di scegliersi tra persone che lavorano insieme).

Alcuni ostacoli/barriere per la ricerca indipendente sono invece costituiti da:

• supporto economico;

• conoscenza e applicazione della metodologia di ricerca clinica;

1877-9344/$ — see front matter © 2010 Elsevier Srl. Tutti i diritti riservati. doi:10.1016/j.itjm.2010.09.023

Gli obiettivi della ricerca nei prossimi 10 anni

Bisogno clínico

insoddisfatto

Modifica RICERCA Nuovo

della pratica clinica CLINICA intervento

Metodología

della ricerca

Figure 1 ''Itinerary loop'' della ricerca clinica.

• carenza di know-how nella pianificazione organizzativa ed economica delle ricerche;

• ''commitment'' da parte degli sperimentatori coinvolti nelle ricerche di maggiori dimensioni;

• limitato controllo di qualita dei dati (necessario per l'impatto che gli studi possono avere sulla pratica clinica e, in particolare, se si volesse utilizzarli anche a scopo registrativo).

In conclusione, il futuro della ricerca clinica indipen-dente si lega al passato, per la necessita di seguire con sempre piu forza e coerenza l'''itinerary loop'', ossia identificare un fabbisogno clinico insoddisfatto, cercare l'ipotesi teoricamente migliore per affrontarlo, applicare correttamente la metodologia di ricerca, per poi giungere, auspicabilmente, a un miglioramento della pratica clinica.