Scholarly article on topic 'Le iponatremie'

Le iponatremie Academic research paper on "Animal and dairy science"

0
0
Share paper
Academic journal
Italian Journal of Medicine
OECD Field of science
Keywords
{""}

Academic research paper on topic "Le iponatremie"

Italian Journal of Medicine (2011) 5, 156—168

ELSEVIER

disponibile su www.sciencedirect.com

m%0 ScienceDirect

journal homepage: www.elsevier.com/locate/itjm

RASSEGNA

Le iponatremie

The hyponatremias

Giovanna Elmia, Marco Faustini-Fustinib, Stefania Zaccaronia, Roberto Zonia *

a UOC Medicina Interna (Direttore: dr. Roberto Zoni) Ospedale Bellaria, AUSL di Bologna b UOC Endocrinologia (Direttore: dr.ssa Alessandra Sforza), AUSL di Bologna

Ricevuto l'11 gennaio 2010; accettato il 10 gennaio 2011 disponibile online il 19 aprile 2011

KEYWORDS

Hyponatremia;

Disorders of sodium

balance;

Electrolyte;

Hypovolemia;

Euvolemia;

Hypervolemia.

Abstract

Introduction: Plasma sodium concentrations are commonly measured in hospitalized patients. In our department, hypernatremia (defined as a serum sodium < 135 mmol/L) is usually an incidental finding. More rarely, however, clinical manifestations of hypernatremia occur. Symptoms depend on the magnitude and rapidity of onset of the hypernatremia. When acute, severe hyponatremia develops, brain edema may occur. Considerable morbidity and mortality can be associated with hyponatremic encephalopathy per se. Moreover, rapid correction of hyponatremia also carries a risk of neurological damage related to the osmotic demyelination syndromes. This review focuses on the epidemiology, pathophysiology, and therapy of hyponatremia. Materials and methods: We carried out a search of the literature in Medline, the Cochrane Library and Clinical Evidence using the search terms hypernatremia and sodium. Conclusions: Hyponatremia is the most common electrolyte disorder encountered in clinical practice, occurring in approximately 15% to 30% of hospitalized patients, and it is not uncommon in outpatients. When faced with a hyponatremic patient, the physician has to identify the cause, treat the defect, and take care of the patient, bearing in mind that hypernatremia and its correction are associated with significant morbidity and mortality. Hyponatremic encephalopa-thy following acute hypernatremia is well known to be a potentially life-threatening condition, especially in patients with concomitant diseases. In contrast, chronic hypernatremia is more common, and it is often considered to be a laboratory abnormality devoid of clinical consequences. Paradoxically, however, this is just the setting in which rapid correction of plasma sodium levels can cause severe neurologic defects and death. Despite substantial progress in understanding the pathophysiology of brain damage related to hyponatremia and its treatment, optimal, safe therapies have not been well defined yet. The imminent availability of aquaretic nonpeptide arginine vasopressin receptor antagonists could provide new insights into this field.

* Corrispondenza: UOC Medicina Interna, Ospedale Bellaria, via Altura 5 - 40139 Bologna. E-mail: Roberto.zoni@ausl.bo.it (R. Zoni).

1877-9344/$ — see front matter © 2011 Elsevier Srl. Tutti i diritti riservati. doi:10.1016/j.itjm.2011.02.001

However, because of their unique effects, i.e., selective increase of solute-free water excretion by the kidney, this new class of drugs cannot be used in patients with hypovolemic hyponatremia. © 2011 Elsevier Srl. All rights reserved.

Introduzione

Nell'attivita quotidiana di un reparto di Medicina Interna é frequente il riscontro, spesso casuale, di iponatremia (sodie-mia < 135 mmol/L), che complica la gestione dei pazienti. L'approccio diagnostico-terapeutico varia in base all'atten-zione che si pone alla problematica e alla severita del quadro. Cosí, puo capitare di non considerare prioritaria un'iponatremia asintomatica fino a quando i livelli sierici di sodio non scendono in maniera evidente. Viceversa, di fronte alle manifestazioni neurologiche prodotte dall'edema cerebrale secondario all'iponatremia il livello di allarme é solitamente elevato e giustificato. Questa distinzione pué talora apparire semplicistica, come saré chiarito nelle pagine successive.

Si pué affermare che l'iponatremia é un disordine elet-trolitico frequente, la cui gestione clinica non eé scevra da rischi. Ci proponiamo di esaminare queste problematiche, nell'intento di fornire un approccio pratico. La revisione critica della letteratura ée stata effettuata utilizzando Medline, Cochrane Library e Clinical Evidence come fonti principali, "hyponatraemia" e "sodium" come parole chiave. La ricerca eé stata limitata agli articoli in inglese e in italiano. Abbiamo considerato un intervallo temporale ampio (dal 1980 in poi). E stata attribuita priorita ai trial randomizzati e controllati (in realté assai scarsi come numero complessivo), alle linee guida, alle consensus conference di esperti e alle revisioni narrative (non esistendo vere e proprie revisioni sistematiche con metanalisi). Abbiamo volutamente limitato i case-report alle segnalazioni delle cause farmaco-logiche di iponatremia.

Epidemiología e significato prognostico

L'iponatremia (tabella 1) e il disordine elettrolitico di piu comune riscontro, con una prevalenza valutabile intorno al 18% nei pazienti lungodegenti, al 7% circa nei pazienti ambulatoriali e al 15% circa nei pazienti ricoverati in reparti per acuti [1], in forma lieve nel 15-20%, moderata nell'1-7%, severa nell'1-2% [2]. É comunemente ritenuta un marker prognostico negativo, anche se fino a pochi anni fa gli studi disponibili, spesso retrospettivi, non controllati e con casi-stica esigua, non evidenziavano chiaramente se l'incremento di mortalité osservato fosse un effetto diretto dell'iponatre-

mia, fosse associato alla severità del déficit e traesse beneficio dalla correzione della sodiemia o fosse, piuttosto, espressione della gravità della patología sottostante e di errori di trattamento.

I dati emersi dagli studi pià recenti indicano con chiarezza che l'iponatremia e fortemente e indipendentemente asso-ciata a un'aumentata mortalità intraospedaliera in pazienti con scompenso cardiaco congestizio e cirrosi epatica.

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta che presen-tano iponatremia all'ingresso, indipendentemente dalla severita di quest'ultima, si ha un incremento significativo, nei successivi 30 giorni, della mortalità per tutte le cause e per recidiva dell'infarto [3].

Se si analizza il trial ESCAPE [4], si evince che l'ipona-tremia persistente di qualsiasi grado evidenziata in pazienti con scompenso cardiaco in Classe IV NYHA e severa disfun-zione sistolica (FE < 30%) aumenta significativamente il rischio sia di morte per tutte le cause sia di nuovo ricovero ospedaliero per scompenso cardiaco.

E noto che, fra i pazienti con malattia epatica terminale in attesa di trapianto, l'iponatremia persistente e l'ascite identificano un gruppo ad alto rischio di mortalità pretra-pianto a dispetto di un basso punteggio MELD (Model for Endstage Liver Disease) [5,6]. I livelli sierici di sodio sono stati inclusi nello score MELD poiche predittivi di mortalita a 6 mesi [7].

Anche in ambito internistico sono disponibili dati rile-vanti. Da uno studio condotto su 14.239 pazienti ricoverati al St. James Hospital di Dublino fra il gennaio 2002 e il dicembre 2006 [8] risulta che il 12,4% presentava iponatremia lieve, il 4,8% iponatremia moderata, il 3,4% iponatremia severa. Per i tre gruppi di pazienti e stato rilevato un aumento significativo della mortalità intraospedaliera a 30 giorni dall'ingresso, anche dopo opportuno aggiustamento per gli altri fattori predittivi di mortalità (score della patologia sottostante, sepsi, necessita di emotrasfusione, trasfe-rimento in unita di Terapia Intensiva ecc.), indicando nell'iponatremia un fattore predittivo indipendente di mortalità. Inoltre, stime recenti indicano che una quota rilevante (49-66%) di pazienti dimessi dai reparti ospedalieri con la segnalazione di iponatremia sviluppa il disordine elettrolitico durante la degenza [9,10]. In un'eterogenea popolazione di 2.907 pazienti afferiti nell'arco di 3 mesi presso i reparti medici, chirurgici e di Terapia Intensiva di un ospedale di Rotterdam, 880 pazienti presentavano natremia < 125 mEq/L [10]. Tra i fattori di rischio più frequentemente asso-ciati all'insorgenza intraospedaliera di iponatremia, quelli di piu frequente riscontro in questo studio erano la chirurgia, l'uso di soluzioni ipotoniche per via endovenosa e l'uso di tiazidici e di farmaci stimolanti il rilascio di ormone anti-diuretico o ADH (soprattutto aloperidolo, carbamazepina, ipoglicemizzanti orali, talidomide, inibitori del reuptake della serotonina — noti anche con l'acronimo SSRI). Altro dato di interesse eà che, mentre le iponatremie severe presenti all'ingresso venivano trattate immediatamente, le forme a insorgenza intraospedaliera scontavano un ritardo nella dia-

Tabella 1 Prevalenza di iponatremia in diverse popolazioni di pazienti.

Popolazione Prevalenza (%)

Lungodegente 18

Ambulatoriale 7

Reparti per acuti 15

Tabella 2 Iponatremia e iponatremia severa in diverse popolazioni di pazienti.

Pazienti medici, chirurgici e in terapia intensiva: il 15% delle iponatremie

insorgono durante il ricovero il 49% delle iponatremie severe

Pazienti geriatrici il 70,9% delle iponatremie severe é preceduto da iponatremia

asintomatica in presenza di molteplici fattori causali

gnosi, secondario a un monitoraggio insufficiente degli elet-troliti indipendentemente dai fattori di rischio presenti, e nel trattamento, spesso inadeguato [10].

Un cenno a parte merita l'iponatremia asintomatica. La letteratura in merito e scarsa. Uno studio condotto su una popolazione di pazienti affetti da schizofrenia mostra che in presenza di natremia < 130 mEq/L vi ee un peggioramento delle funzioni cognitive [11].

Nel 2007 e stata pubblicata un'analisi retrospettiva su 27.277 pazienti geriatrici ambulatoriali, residenti presso nursing home e ricoverati in strutture geriatriche per acuti [12]. Nella popolazione geriatrica ambulatoriale, l'11% dei pazienti aveva iponatremia asintomatica, presente anche nel 18-25% dei residenti in nursing home, mentre il 9-11% di questi pazienti veniva ricoverato in unitae geriatriche per acuti con iponatremia sintomatica. Le alterazioni cognitive che si associano a iponatremia espongono i pazienti anziani a numerosi rischi, quali cadute gravi e polmoniti ab ingestis. Al contempo, numerosi fattori concomitanti (le patologie multiple, la riduzione della velocitae di filtrazione glomerulare, l'insufficienza renale cronica, le terapie associate, che con-templano spesso farmaci stimolanti la secrezione di ADH) rendono i pazienti anziani particolarmente esposti al rischio di iponatremia. Il 70,9% dei pazienti ricoverati per ipona-tremia sintomatica per alterazioni cognitive aveva iponatre-mia asintomatica preesistente; l'aggravamento si era verificato in presenza di pieu fattori causali concomitanti; l'11% assumeva sia SSRI sia diuretici tiazidici [12].

L'iponatremia asintomatica ee quindi un fattore di rischio per lo sviluppo di iponatremia severa in presenza di multipli fattori causali. Nei pazienti defedati vi ee indicazione al trattamento dell'iponatremia, anche se e asintomatica, in quanto indicatore dell'alterazione della clearance dell'a-cqua libera instauratasi (tabella 2).

Fisiopatogenesi, adattamento e sindrome osmotica demielinizzante

Lo ione Na+ e il principale catione dei liquidi extracellulari, dove e contenuto per la quasi totalita, a eccezione di una quota pari al 2-5% ugualmente distribuita fra plasma e liquidi

interstiziali. È responsabile, con i suoi sali, di circa l'86-90% dell'osmolalità totale del liquido extracellulare (LEC) [13].

La natremia riflette la proporzione fra Na+ e H2O, deter-minata dai seguenti meccanismi di controllo:

• ADH, decapeptide sintetizzato nel nucleo sopraottico dell'ipotalamo e secreto dall'ipofisi posteriore per effetto di stimoli osmotici (osmolalita plasmatica) e, in misura minore, di stimoli non osmotici (ipovolemia, nausea);

• centro della sete (situato nell'ipotalamo anteriore), che risponde principalmente all'incremento dell'osmolalità plasmatica e, in misura minore, all'ipovolemia;

• perdite insensibili.

Il primo e senz'altro il meccanismo piu importante, grazie al quale sono prodotte urine concentrate a livello dei dotti collettori, dove, tramite l'azione di specifici canali detti "acquaporine", l'acqua puo essere riassorbita [14]. La secre-zione di ADH e chiamata in causa nella maggior parte delle condizioni di iponatremia, sia per effetto di uno stimolo fisiologico (osmotico o non osmotico) sia come risultato di un meccanismo patologico di induzione alla secrezione dell'ormone (secrezione "inappropriata" di ADH). In una minoranza di casi, invece, l'iponatremia si realizza senza la mediazione prioritaria dell'ADH, come accade, per esempio, nella "CerebralSalt Wasting'' (CSW), nell'insufficienza renale cronica, nella polidipsia psicogena, nell'iponatremiaassociata all'esercizio fisico (EAH), nell'insufficienza surrenalica.

Si definisce iponatremia un eccesso di H2O rispetto al contenuto di sodio nel comparto extracellulare, che e in genere espressione di un accumulo di acqua (diluizione) piuttosto che di deplezione del contenuto di sodio. La natremia normale si attesta fra 136 e 145 mEq/L. Si ha iponatremia per valori < 136 mEq/L (tabella 3).

Si definisce ''osmolalita effettiva'' (o tonicità) la quota di osmolalità totale in grado di indurre il movimento transmembrana di acqua. Contribuiscono a determinare la tonicita quei soluti, quali il sodio e il glucosio, che non possono muoversi liberamente attraverso le membrane cellulari. Questo assunto e vero, per quanto concerne il glucosio, per concen-trazioni sieriche superiori a quelle ritenute fisiologiche. Mentre l'ipernatremia si associa sempre a iperosmolalita, l'iponatremia puà associarsi a:

• osmolalità ridotta (iponatremie vere o iponatremie ipoto-niche);

• osmolalità normale, se si accumulano grandi quantità di sostanze isotoniche prive di sodio in grado di permeare le membrane (urea, mannitolo non ipertonico, etanolo);

• osmolalità aumentata (forme traslocazionali, con trasferi-mento di H2O dalle cellule al comparto extracellulare, dove vi àe un eccesso di sostanze che esplicano effetto osmotico, per esempio glucosio in concentrazioni elevate o mannitolo ipertonico).

La condizione nota come ''pseudoiponatremia'', invece, eà una sorta di artefatto di laboratorio, che si verificava soprattutto in passato con alcune metodologie di dosaggio

Tabella 3 Distribuzione dello ione Na+ e definizione di iponatremia.

• Na+ LEC 95-98%

LIC 2-5%

• Na+ è responsabile dell'86-90% dell'osmolalita totale del LEC

• Iponatremia = eccesso di H2O rispetto al contenuto di Na+ nel LEC

Legenda: LEC = liquido extracellulare; LIC = liquido intracellulare.

Tabella 4 Iponatremia e osmolalità plasmatiche.

Iponatremia con ipo-osmolalità (vera)

Iponatremia con iperosmolalità (traslocazionale) Iperglicemia, mannitolo ipertonico

Iponatremia con iso-osmolalita Soluzioni irriganti "salt-free" isotoniche,

infusione di mannitolo al 5%

Pseudoiponatremia = artefatto di laboratorio (paraproteinemia, dislipidemie gravi)

della natremia in presenza di severe iperlipemie o iperprotei-nemie. La diffusione delle moderne apparecchiature per la determinazione degli elettroliti sierici ha reso la condizione di pseudoiponatremia un evento alquanto raro (tabella 4).

L'iponatremia in presenza di ipo-osmolalità (iponatremia ipotonica) determina un gradiente osmotico che permette l'ingresso di H2O nelle cellule. I neuroni sono le cellule pià sensibili a questa modificazione, per la complessitaà delle funzioni che sono chiamate a svolgere e per effetto dell'im-possibilitaà di espansione della scatola cranica. Come conse-guenza, si avranno una condizione di edema cerebrale, un aumento della pressione intracranica e la comparsa di sin-tomi neurologici, che dipendono in larga parte della rapiditaà con cui si instaura l'iponatremia, oltre che dalla sua severità.

Il sistema nervoso centrale (SNC) mette in atto un mec-canismo di adattamento in due fasi:

• adattamento rapido: fuoriuscita rapida (entro poche ore) di soluti, quali Na+, Cl— e K+, con riduzione del gradiente osmotico, perdita di H2O e attenuazione dell'edema;

• adattamento lento: trasporto di soluti organici (glutam-mato, tiamina, mioinositoli), che si esplica nell'arco di qualche giorno (fig. 1).

Le alterazioni cui àe esposto il SNC in corso di iponatremia non solo rendono ragione della sintomatologia, che realizza la cosiddetta encefalopatia iponatremica, ma anche della pià temuta complicanza in corso di correzione dell'ipona-tremia: la síndrome osmotica demielinizzante (mielinolisi pontina centrale e mielinolisi extrapontina).

Si tratta di una demielinizzazione osmotica che puà interessare diffusamente il SNC (e non solo la zona centrale del ponte, come si riteneva inizialmente dopo la pubblicazione dei primi casi) e che si manifesta da 1 a 7 giorni dopo correzione rapida dell'iponatremia. Il quadro clinico solitamente evolve secondo un andamento bifasico. Con la nor-malizzazione della natremia, a una prima fase di rapido miglioramento dei sintomi indotti dall'iponatremia (nausea, vomito, confusione mentale, convulsioni...) segue a distanza di qualche giorno un improvviso peggioramento, con la comparsa di segni e sintomi di interessamento del ponte (disfagia, disartria, quadriparesi, alterazioni dell'oculomozione, modi-ficazioni dello stato di coscienza che possono giungere al quadro di ''locked-in syndrome'') e/o di aree extrapontine (quali cervelletto, corpo genicolato laterale, capsula estrema, capsula esterna, ippocampo, putamen, talamo, nucleo caudato), che realizzano quadri neurologici variegati, improntati soprattutto a disordini del movimento (parkinsonismo, coreoatetosi), piu raramente a mutismo o catatonia.

Il corrispettivo anatomo-patologico e rappresentato da una perdita simmetrica di mielina in assenza di flogosi, con conservazione dei neuroni. Il meccanismo non e stato ancora completamente chiarito. Tuttavia, alcune considerazioni generali possono aiutare a formulare delle ipotesi. Quando

sono in atto i meccanismi di adattamento lento, le sostanze organiche che sono state traslocate nel liquido extracellulare per ridurre il gradiente osmotico con le cellule nervose vengono recuperate lentamente, in piu di 5 giorni. Ne con-segue che il paziente con iponatremia cronica e particolar-mente a rischio di sviluppare questa temibile complicanza, poiché in corso di correzione rapida della sodiemia, quando ancora non sono disponibili in sede intracellulare gli osmoliti organici, le cellule sono esposte a deidratazione osmotica.

Figura 1 Adattamento lento: trasporto di soluti organici.

Tabella 5 Fattori di rischio per lo sviluppo di sindrome osmotica demielinizzante.

Maggior rischio per t alcolismo t malnutrizione t uso protratto di diuretici t polidipsia psicogena t ustioni

t trapianto di fegato t chirurgia ipofisaria t chirurgia ginecologica/urologica

Per le iponatremie acute, il rischio di demielinizzazione osmotica e minore.

La diagnosi e posta mediante tomografia computerizzata, che mostrera aree simmetriche di ipodensita pontine ed extra-pontine, o risonanza magnetica nucleare, piu sensibile, che porrà in evidenza lesioni iperintense nelle immagini T2 pesate, e ipointense nelle immagini T1 pesate, in assenza di enhancement del gadolinio. Le lesioni possono apparire radiologicamente evidenti solo dopo le prime Z settimane di malattia, imponendo di conseguenza un esame di conferma.

Le manifestazioni cliniche della mielinolisi pontina centrale comprendono un ampio spettro di sintomi e segni, quali disartria, disfagia, deficit focali, quadriplegia, paralisi bul-bare, convulsioni, letargia, coma (talora ''locked-in syndrome''), morte. In realta, le modalita di presentazione sono assai variabili e sebbene la prognosi sia generalmente severa, pazienti con lesioni importanti possono sopravvivere, alcuni possono avere un ottimale recupero con completa risoluzione, altri possono presentare miglioramenti modesti o del tutto assenti. Il rischio di sviluppare la sindrome osmotica demielinizzante aumenta in caso di alcolismo e malnutrizione, nelle donne in eta fertile, nelle donne anziane in trattamento tiazidico e in altre condizioni (tabella 5).

Le aree di mielinolisi, come si à accennato, possono coinvolgere zone del SNC diverse dal ponte. In questi casi,

solitamente sono interessati in maniera simmetrica i nuclei della base (caudato, talamo, putamen), il cervelletto, l'ippo-campo, il corpo genicolato laterale, la capsula estrema e la capsula esterna e, conseguentemente, la sintomatologia riflette la differente distribuzione del danno (mutismo, disor-dini del movimento di tipo parkinsoniano, catatonia).

Non esiste una terapia specifica della sindrome osmotica demielinizzante. Gli steroidi non si sono rivelati utili. Ridurre nuovamente la natremia nelle fasi iniziali si e rivelato utile nei modelli animali e rappresenta l'unico approccio di cui al momento si dispone, oltre al controllo delle complicanze e al supporto delle funzioni vitali in strutture di Terapia Intensiva [15].

Eziologia

Le cause di iponatremia sono riportate in tabella 6, suddivise in base all'assetto volemico del paziente. Fra queste, le situazioni di piu frequente riscontro nell'adulto sono legate all'uso di diuretici tiazidici, stati postoperatori, sindrome da inappropriata secrezione di ADH (SIADH).

Quest'ultima, in particolare, e la causa piu frequente-mente osservata, con un rischio che aumenta con l'avanzare dell'età. Inizialmente descritta come sindrome paraneopla-stica in pazienti con carcinoma polmonare in assenza di stimolo fisiologico alla secrezione di ormone antidiuretico (aumentata osmolalità plasmatica o ridotta volemia), si caratterizza per iponatremia con ipo-osmolalita plasmatica in presenza di urine inappropriatamente concentrate (ossia non diluite in maniera massimale: Uoms > 100 mosm/kg H2O in presenza di normale funzione renale), aumentate concen-trazioni di sodio nell'urina (> 40 mmol/L) e volume intrava-scolare normale o lievemente aumentato in assenza di altre cause note di iponatremia ipotonica euvolemica. La secrezione di ormone antidiuretico viene definita ''inappropriata'' in quanto indipendente dall'osmolalita plasmatica. Nono-stante l'acronimo, solo circa un terzo dei pazienti con SIADH presenta elevati livelli sierici di ADH. Sono state descritte, infatti, quattro situazioni diverse:

Tabella 6 Cause di iponatremia.

Ipovolemia

Ipervolemia

Euvolemia

Perdita renale Diuretici

Nefropatia Na+ disperdente Diuresi osmotica Iposurrenalismo primitivo Bicarbonaturia Ketonuria

Cerebral salt wasting (CSW) Perdita extrarenale Gastrointestinale Cutanea (iperidrosi) Emorragia

Sequestro nel III spazio (ostruzione intestinale, ustioni, pancreatite, peritonite, trauma muscolare)

Scompenso cardiaco Cirrosi epatica Sindrome nefrosica Insufficienza renale Gravidanza

> Tiazidici Ipotiroidismo

> Iposurrenalismo secondario

> Sindrome da inappropriata antidiuresi (SIAD) Ridotto apporto alimentare ed escrezione urinaria di soluti

Bevitori di birra Dieta ipoproteica

> Eccessivo apporto idrico Irriganti salt free Polidipsia primaria

• inappropriata secrezione di ADH;

• incremento di ADH basale con normale regolazione dell'o-smolalità;

• reset degli osmocettori a soglia più bassa (omeostat);

• mutazione dei recettori per l'ADH, che risulta non dosabile con i comuni metodi di misurazione.

Pertanto, sulla scorta di queste osservazioni, la defini-zione ritenuta oggi piu corretta à síndrome da inappropriata antidiuresi (SIAD).

In generale, nella SIAD si realizza un riassorbimento renale di acqua a livello del dotto collettore, con conseguente espansione del volume del LEC, che solitamente non e di entita tale da accompagnarsi a segni clinici di ipervolemia (edema, distensione delle vene), dal momento che solo un terzo dell'acqua corporea totale si distribuisce nel LEC e due terzi nello spazio in cui à contenuto il liquido intracellulare (LIC). Il modesto incremento del volume intravascolare che caratterizza la SIAD à sufficiente, tuttavia, ad aumentare il tasso di filtrazione glomerulare e il flusso plasmatico renale, mentre al contempo riduce il riassorbimento prossimale di Na+. L'escrezione renale di Na+ risulta, di conseguenza, aumentata (sodiuria > 40 mmol/L), eguagliando la quantita di Na+ introdotta con la dieta. Nella SIAD à sostanzialmente mantenuta la capacita di gestire il riassorbimento e l'escrezione renale di Na+. Il ridotto riassorbimento prossimale di Na+ rende ragione, inoltre, del fatto che l'acido urico e l'urea, riassorbite di concerto con il Na+ a livello prossimale, si riducano nella SIAD.

Le cause sono molteplici (tabella 7) e possono essere raggruppate schematicamente come segue:

• neoplasie;

• malattie polmonari;

• malattie del SNC;

• farmaci.

In particolare, i farmaci che possono causare SIAD sono numerosi, come riportato nella tabella 8, e la lista subisce continui aggiornamenti [16—20].

I criteri che consentono di porre diagnosi di SIAD sono riassunti in tabella 9.

Nei pazienti con disordini del SNC, la SIAD deve essere distinta da una patologia relativamente rara, la sindrome da perdita renale di sali di origine cerebrale o CSW. Entrambe condividono il medesimo spettro di patologie cerebrali a carattere neoplastico, ischemico, infettivo, traumatico e chirurgico (tabella 10). La CSW tende a essere una condizione transitoria, con risoluzione dopo 3-4 settimane dall'esordio [21,22]. Compare da 1 a 10 giorni dall'evento cerebrale, in genere con esordio acuto, o da una procedura neurochirur-gica. In alcuni casi il tempo di comparsa puà essere anche maggiore. Come la SIAD, la CSW si caratterizza dal punto di vista bioumorale dalla triade costituita da iponatremia con ipo-osmolalita plasmatica, urine inappropriatamente concentrate (Uosm > 100 mosm/kg H2O) e aumentate concen-trazioni di Na+ nell'urina (> 40 mmol/L). Mentre nella SIAD si ha una lieve espansione del LEC, pur in assenza di turgore giugulare o edema, la CSW à caratterizzata da uno stato di deplezione del liquido extracellulare che solitamente e tale da rendersi clinicamente evidente con segni di ipovolemia (caduta della pressione arteriosa e del polso periferico in ortostatismo, mucose secche, vene periferiche appiattite). Si tratta pertanto, di una forma di iponatremia ipotonica ipovolemica. La presenza di iponatremia ipotonica e

Tabella 7 Cause di SIAD.

Neoplasie Disordini del SNC

• Polmone • Infezioni

Small cell Encefaliti

Mesotelioma Meningiti

Orofaringe Ascessi cerebrali

• Tratto gastroenterico AIDS

Stomaco • Patologia vascolare

Duodeno ed espansiva

Pancreas Ematoma subdurale

• Tratto genitourinario Emorragia subaracnoidea

Uretere, vescica Ictus

Prostata Tumori cerebrali

Endometrio Traumi cerebrali

• Altre Idrocefalo

Timomi Trombosi dei seni cavernosi

Linfomi • Altro

Sarcomi Sclerosi multipla

Sindrome di Guillain-Barré

Sindrome di Shy Drager

Porfiria acuta intermittente

Malattie polmonari Altre cause

• Infezioni • Nausea severa

Batteriche e virali • Dolore intenso

Ascessi • Stato postoperatorio

Tubercolosi • Esercizio fisico prolungato

Micosi (maratoneti...)

• Asma • Forma genetica (sindrome

• Fibrosi cistica nefrogenica da

• Insufficienza respiratoria inappropriata antidiuresi)

con ventilazione a • Forma idiopatica

pressione positiva • Farmaci (si veda tab. 8)

Fonte: modificata da Ellison DH, et al. N Engl J Med

2007;356(20):2064-72.

ipovolemia clinicamente evidente indica deplezione dei soluti corporei rispetto all'acqua e la concentrazione urinaria elevata di Na+ suggerisce l'origine renale di tale perdita. I meccanismi patogenetici responsabili dell'aumentata escre-zione renale di Na+ che si realizza nella CSW non sono stati ancora completamenti chiariti. Sono stati prospettati due diversi meccanismi:

• ridotto tono simpatico centrale per effetto della noxa patogena acuta che colpisce il SNC con conseguente ridu-zione del riassorbimento del Na+ a livello del tubulo con-torto prossimale, nonche riduzione del riassorbimento degli urati in tale sede. Poiché questa porzione del neurone e quella coinvolta nella maggior parte del riassorbimento tubulare del Na+ filtrato, è sufficiente una minima riduzione di efficacia di tale meccanismo per far giungere grandi quantita di Na+ al neurone distale, che non sara in grado di riassorbire;

• rilascio di peptidi natriuretici (ANP, BNP) che, inibendo la secrezione di renina e l'attivazione dell'asse renina-angio-tensina-aldosterone, riducono il riassorbimento di Na+ in corrispondenza della midollare profonda dei dotti collet-tori, in assenza di ipokaliemia. La conseguente riduzione del LEC induce la secrezione appropriata di ADH. Inoltre i

Tabella 8 Cause farmacologiche di SIAD.

Farmaci che stimolano il rilascio o potenziano l'azione dell'ormone antidiuretico

• Antidepressivi

Triciclici (amitriptilina, desipramina, protriptilina) Inibitori selettivi del reuptake della serotonina Inibitori delle monoaminossidasi

• Antipsicotici

Fenotiazine (tioridazina, trifluoperazina) Butirrofenoni (aloperidolo) Aripiprazolo

Clozapina ? (rare segnalazioni in passato; dati piu recenti indicano, viceversa, la possibilité di miglioramento dell'iponatremia nel paziente schizofrenico con polidipsia psicogena)

• Antiepilettici Carbamazepina, oxcarbazepina Valproato di sodio Lamotrigina

• Agenti antineoplastici Vincristina, vinblastina (raro) Cisplatino (frequente), carboplatino (raro) Ciclofosfamide iv, melfalan, ifosfamide Metotrexato

Interferone-alfa e gamma Levamisolo Pentostatina Anticorpi monoclonali

• Antidiabetici Clorpropamide Tolbutamide Rosiglitazone

• Antibiotici Trimetoprim-sulfametossazolo Ciprofloxacina Cefoperazone/sulbactam Rifabutina

• Miscellanea

Antinfiammatori non steroidei (inibitori della sintesi di

prostaglandine)

Oppiacei

Tramadolo

Nicotina

Clofibrato

ACE-inibitori

Amiodarone, lorcainide, propafenone

Amlodipina

MDMA (ecstasy)

Teofillina

Imatinib

Sibutramina

Inibitori di pompa protonica (omeprazolo)

Farmaci analoghi dell'ormone antidiuretico

• Desmopressina

• Ossitocina

• Vasopressina

peptidi natriuretici riducono il tono autonomico simpatico centrale a livello del tronco encefalico. Il BNP (fattore natriuretico cerebrale) sembra pià direttamente coinvolto in tali processi poiché elevati livelli plasmatici sono stati riscontrati nei pazienti con emorragia subaracnoidea. Il rilascio a livello cardiaco potrebbe far parte della com-plessa risposta allo stress, mentre a livello cerebrale àe mediato dall'incremento della pressione intracranica. La reazione mediata dai peptidi natriuretici sembra essere protettiva, producendo un effetto antivasospasmo e una riduzione di volume, derivante dalla contrazione del LEC, volta a contenere i rialzi della pressione intracranica.

In considerazione dei diversi meccanismi patogenetici, e in particolare del diverso stato del volume extracellulare, non stupisce che SIAD e CSW non condividano lo stesso approccio terapeutico e che un errore diagnostico possa talora avere conseguenze gravi, talora fatali. La diagnosi differenziale vede come parametro pià importante la valu-tazione del LEC, spesso difficoltosa. Questa risulta, comun-que, pià agevole nelle strutture di Terapia Intensiva, dove ci si puà avvalere di supporti quali la misurazione della pres-sione venosa centrale. I parametri distintivi di SIAD e CSW sono riportati in tabella 11.

L'approccio terapeutico al paziente con SIAD e iponatremia moderata e paucisintomatica prevede in primis la restrizione idrica, mentre nella CSW à indicata una vigorosa reintegrazione idrosalina. Un'errata condotta terapeutica — che preveda, per esempio, la restrizione idrica in caso di emorragia subaracnoidea associata a CSW — espone al rischio di infarto cerebrale con peggioramento del vasospasmo.

Classificazione e quadri clinici

Dal punto di vista pratico, occorre distinguere l'iponatremia secondo criteri di severità, acquisendo al contempo informa-zioni sulla rapidità con cui si à sviluppata: t lieve, 130-135 mmol/L; t moderata, 120-129 mmol/L; t severa, < 120 mmol/L; t acuta, insorta entro 48 ore; t cronica, insorta oltre 48 ore.

Nell'iponatremia acuta (tabella 12) il quadro clinico e spesso legato alla severitaà del deficit: t le forme lievi (sodiemia: 130-135 mmol/L) sono generalmente asintomatiche; t le forme moderate (sodiemia: 120-129 mmol/L) presentano una sintomatologia del tutto aspecifica che puà essere caratterizzata solamente da nausea, malessere generale, lieve instabilitaà ortostatica; t le forme severe (sodiemia: inferiore a 120 mmol/L) possono manifestarsi con cefalea, agitazione, disorientamento, letargia;

t al di sotto di 115 mmol/L compaiono sovente le convulsioni evi e rischio di danno cerebrale permanente, coma, arresto respiratorio, erniazione cerebrale, morte.

Non v'à dubbio, tuttavia, che quella appena esposta e una semplificazione grossolana della realtaà e che, talora, la sintomatologia evolve in maniera imprevedibile.

Sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare sintomi neurologici da iponatremia (encefalopatia iponatremica) i

Tabella 9 Criteri per la diagnosi di SIAD.

Criteri essenziali

Criteri aggiuntivi

Posm < 275 mosm/kg H2O Uosm > 1CC mosm/kg H2O Euvolemia

Na* urinario > 4C mmol/L

Normale funzione surrenalica e tiroidea

Non recente uso di diuretici

Uricemia < 4 mg/dL Azotemia < 1C mg/dL

Mancata risposta all'infusione di soluzione salina allo C,9%

Correzione con restrizione idrica

Inadeguata diluizione delle urine da carico idrico

Tabella 10 Condizioni e patologie cerebrali responsabili di SIAD (LEC espansi) o CSW (LEC contratto).

Encefaliti

Meningiti

Ascessi cerebrali

Ematomi

Neoplasie

Chirurgia del sistema nervoso centrale

pazienti euvolemici (stati postchirurgici, polidipsia psico-gena) e le donne in eta fertile.

L'iponatremia cronica (tabella 12) e in genere paucisin-tomatica in assenza di eventi precipitanti o del raggiungi-mento di un valore soglia, che alcuni autori indicano intorno a 11S mmol/L negli anziani [23]. In realtè, non sono identifi-cabili veri e propri valori soglia e la sintomatologia neurolo-gica puè svilupparsi anche in presenza di natremia non particolarmente ridotta.

Approccio diagnostico

L'approccio diagnostico al paziente con iponatremia si arti-cola attraverso i seguenti passaggi:

• anamnesi accurata;

• valutazione dello stato del volume extracellulare e della volemia;

• esami di laboratorio.

Un'attenta raccolta della storia clinica del paziente puo orientare circa la causa e la modalita di insorgenza dell'ipo-natremia. La conoscenza di patologie acute o croniche associate al disordine elettrolitico e di grande ausilio nell'inquadramento diagnostico.

Nel caso di SIAD da causa farmacologica, occorre sospen-dere il farmaco, laddove cié sia possibile.

La valutazione dello stato del volume extracellulare (e in particolare della volemia) non sempre é agevole in clinica e si avvale dei seguenti parametri: turgore cutaneo, frequenza cardiaca, stato delle vene periferiche e dei bulbi oculari, distensione giugulare, variazioni della pressione arteriosa e

Tabella 11 Diagnosi differenziale tra SIAD e CSW.

Caratteristiche cliniche e biochimiche SIAD CSW

Stato del volume extracellulare Aumentato Ridotto

Volemia Essenzialmente normale Ridotta

Cambiamenti posturali di pressione arteriosa e polso Assenti Presenti

Membrane mucose Normali Secche

Vene periferiche Normali Appiattite

Pressione venosa centrale Normale o lievemente aumentata Ridotta

Uricemia Ridotta Normale o ridotta

Uremia/creatininemia Ridotto Aumentato

Ematocrito Normale Aumentato

Albuminemia Normale Aumentata

Potassiemia Normale Normale o aumentata

Sodiuria > 40 mmol/L Presente Presente

Uosm > 100 mosm/kg H2O Presente Presente

Bilancio idrico In equilibrio o lievemente positivo Negativo

Bilancio del sodio In equilibrio Negativo

Perdita di peso Assente Presente

Trattamento Restrizione idrica (iponatremia lieve) Soluzione NaCl 3% (iponatremia severa) Vaptani (antagonisti V2R) Soluzione salina (NaCl 0,9%) Soluzione NaCl 3% (casi selezionati)

Tabella 12 Manifestazioni cliniche dell'iponatremia. Iponatremia acuta Na* 130-135 mmol/L Asintomatica

Na* 120-129 mmol/L Nausea, cefalea, malessere generale, crampi muscolari

Na* 115-119 mmol/L Agitazione, disorientamento, letargia, confusione, atassia, cadute a terra, tremori, agitazione

Na* <115 mmol/L Convulsioni, delirio, riflessi tendinei profondi iporeagenti, deficit neurologici focali, coma, paralisi pseudobulbare, respiro di Cheyne-Stokes, decesso

Iponatremia cronica Generalmente paucisintomatica, ma talora puà evolvere verso la sintomatologia neurologica dell'encefalopatia iponatremica (disorientamento, letargia, convulsioni, coma...)

Nota: anche nelle forme acute non esiste sempre una stretta correlazione tra entita dell'iponatremia e sintomatologia. In particolare, alcune categorie di pazienti risultano piu esposte all'encefalopatia iponatremica e non à sempre agevole rifarsi a tabelle riassuntive, che rischiano talora di risultare eccessivamente schematiche.

del polso periferico in clino e ortostatismo, bilancio idrico, variazioni del peso corporeo. Nei reparti di cure intensive il monitoraggio della pressione venosa centrale costituisce un parametro assai pià preciso della volemia.

Gli esami di laboratorio che devono comparire nella cartella clinica del paziente con iponatremia sono soprat-tutto l'osmolalita plasmatica e urinaria e la sodiuria. Tutta-via, altri parametri di laboratorio possono essere molto utili, per esempio, nella diagnosi differenziale tra SIAD e CSW (tabella 11).

Come già accennato, in genere l'iponatremia si associa a ipo-osmolalitaà plasmatica (iponatremia ipotonica).

Si ha iperosmolalitàa nelle forme traslocazionali da iper-glicemiaomannitoloipertonico. Aquesto proposito, si ricorda che à stato stimato che un incremento di 100mg/dL della glicemia riduce la natremia di 1,7 mmol/L.

Si ha iso-osmolalitaà nelle rare situazioni in cui vi àe impiego di soluzioni irriganti ''salt-free'' isotoniche o di mannitolo al 5%.

Infine, un cenno a parte merita la condizione nota come ''pseudoiponatremia'', artefatto di laboratorio in corso di severe paraproteinemie o iperlipemie, problema che dovrebbe essere oramai definitivamente archiviato con l'avvento delle apparecchiature per la determinazione della sodiemia attualmente in uso nei laboratori.

L'osmolalità urinaria e anch'essa importante per la diagnosi, poiché sia la SIAD sia la CSW si caratterizzano per avere urine non massimamente diluite, ossia con osmolalitaà urinaria > 100 mosm/kg. Inoltre, alcuni autori utilizzano l'osmolalita urinaria come indicatore nel guidare la restrizione idrica nel caso di SIAD paucisintomatica.

La sodiuria e necessaria per ottenere informazioni utili sulla fonte della perdita di sodio. Per esempio, nel caso di perdita extrarenale di sodio (diarrea profusa, emorragie copiose, ustioni...) il sodio urinario à tendenzialmente basso, solitamente < 40 mmol/L.

L'incremento dell'azotemia con creatinina nella norma o solo lievemente aumentata eà un indicatore abbastanza sen-sibile di riduzione della volemia. Parametri bioumorali altret-tanto utili sono l'uricemia, l'ematocrito, l'albuminemia. Devono essere altresi rilevati glicemia e assetto ormonale, con valutazione degli assi ipotalamo-ipofisi-tiroide e ipota-lamo-ipofisi-surrene, dal momento che la diagnosi di SIAD prevede che siano stati preventivamente esclusi sia l'ipotiroidismo sia l'iposurrenalismo.

Terapia Premesse

L'approccio terapeutico al paziente iponatremico eà com-plesso (tabella 13). La tentazione di iniziare la terapia indipendentemente dal contesto in cui l'iponatremia si à sviluppata rimane, purtroppo, un rischio reale. Questa à l'anomalia che talora ancora si incontra nella pratica clinica. Alcuni elementi vanno considerati attentamente prima di iniziare una qualsiasi terapia per il paziente iponatremico.

1. Ricerca delle cause.

2. Presenza/assenza di sintomi.

3. Presenza di sintomatologia neurologica, valutandone la gravità.

4. Entità dell'iponatremia.

5. Insorgenza acuta o cronica.

6. Volemia del paziente.

7. Tipo di soluzione da infondere/ farmaci.

Sulle cause di iponatremia, argomento tuttora non raramente disatteso nella pratica clinica, ci si à lungo soffermati. Esula dallo scopo di questa revisione considerare a una a una le cause di iponatremia e le relative terapie. Tuttavia, e doveroso un breve cenno ad alcune situazioni peculiari che, pur potendosi incontrare nell'attività ospedaliera, trovano poco spazio nella trattatistica convenzionale sull'argomento.

Come si evince dalla tabella 6, tra le innumerevoli cause di iponatremia vi à l'insufficienza surrenalica. L'iposurrenalismo secondario à spesso una condizione miscono-sciuta, che per certi versi puo mimare la SIAD [24]; in questi casi, la terapia sostitutiva con glucocorticoidi permette anche la risoluzione dell'iponatremia. Nell'iposurre-nalismo primitivo, l'iponatremia e spesso associata a iperpotassiemia e, oltre ai glucocorticoidi a dosi variabili secondo la gravità del quadro clinico, preparati ad attivita

Tabella 13 Approccio diagnostico al paziente con iponatremia.

Quali domande porsi di fronte al paziente con iponatremia?

1. Sintomatica o asintomatica?

2. Acuta o cronica?

3. Cause?

mineralcorticoide (fludrocortisone C,1-C,2 mg/die) sono generalmente necessari per la correzione del disordine endocrino ed elettrolitico.

L'iponatremia associata a ipotiroidismo ha quasi un valore aneddotico. Il riscontro dell'associazione, infatti, e davvero eccezionale [25] e, secondo molti autori, e da collegare piu alle alterazioni della funzione renale, che talora si accompa-gnano all'ipotiroidismo grave, che alla deficienza di ormone tiroideo di per sé.

La diarrea profusa puè associarsi a iponatremia con deple-zione del volume plasmatico. La reintegrazione dei sali e dell'acqua con soluzione reidratante orale e senza dubbio il presidio di scelta, ma talora occorre ricorrere all'infusione di soluzione salina. Non raramente si associano altre alterazioni elettrolitiche, che dovranno essere parimenti corrette. Nel caso particolare del colera, la scelta della soluzione reidra-tante orale ottimale rimane dibattuta. Tuttavia, numerosi trial sembrano indicare la superioritè di soluzioni a ridotta osmolaritè (< 27C mosm/L) — possibilmente preparate anche utilizzando riso o cereali, anziché glucosio, come substrato energetico — rispettoalle soluzioni classiche (> 31C mosm/L) nel ridurre il ricorso all'infusione venosa, a fronte, pero, di una maggiore incidenza di iponatremia moderata (125-13C mmol/L).

Poste queste premesse, cercheremo ora di fornire alcune indicazioni pratiche, distinguendo due diverse condizioni che s'incontrano in clinica: il paziente asintomatico, con riscontro pressoché incidentale di iponatremia, e il paziente sintomatico.

Paziente asintomatico

In generale la terapia consiste nel trattamento delle pato-logie sottostanti, nella rimozione di fattori causali quali l'uso di tiazidici negli anziani, specie ipokaliemici, l'uso di farmaci che possono determinare SIAD, l'impiego di soluzioni saltfree nel periodo perioperatorio, situazioni di stress, dolore, ansia, nausea, che a loro volta stimolano la secrezione di ADH.

Nella SIAD (euvolemia con LEC espanso) si raccomanda la restrizione idrica come primo ausilio, con un apporto gior-naliero complessivo d'acqua attorno a SCC mL e buon apporto di proteine e di sodio. In caso di fallimento di queste misure, in passato e stata proposta la demeclociclina (6CC-1.2CC mg/ die) che, inducendo diabete insipido, puo aumentare la natremia [26]. Oggi questa pratica e caduta in disuso.

Paziente sintomatico

Occorre stabilire in primo luogo lo stato della volemia del paziente. A tale scopo, oltre ai dati reperibili dall'esame obiettivo (variazioni di pressione arteriosa e polso nel pas-saggio dal clinostatismo all'ortostatismo, turgore cutaneo, pressione venosa giugulare...), possono essere di ausilio alcuni dati di laboratorio (tabella 11) e la valutazione del bilancio idrico giornaliero (nei pazienti ricoverati). Contemporaneamente all'acquisizione di questi importanti dati clinici, occorre valutare eventuali malattie concomi-tanti che possono associarsi a iponatremia (cirrosi epatica, scompenso cardiaco congestizio, ipotiroidismo, iposurre-nalismo, insufficienza renale...) o terapie farmacologiche

potenzialmente in grado di indurre iponatremia mediata da una SIAD (tabella 8). Come si e piu volte ricordato, l'osmo-lalita plasmatica e urinaria e la sodiuria sono parametri bioumorali importanti per un corretto inquadramento e per le successive decisioni terapeutiche.

A questo punto, sulla scorta dei dati acquisiti e della gravitè dei sintomi, occorre decidere quale terapia e indicata.

Nel paziente sintomatico con ipovolemia, si deve ristabilire energicamente il volume extracellulare perduto, predi-ligendo la soluzione salina allo C,9% e limitando l'impiego della soluzione ipertonica NaCl al 3% a casi selezionati con sintomi neurologici gravi e/o con insorgenza acuta. Nel caso particolare del paziente con CSW, una volta ristabilito il volume intravascolare è auspicabile l'uso di tavolette con-tenenti sale. L'impiego combinato di fludrocortisone (C,1-C,4mg/die) è stato proposto per accelerare la risoluzione dell'iponatremia nella CSW, ma mancano prove di efficacia in grado di sostenere questa opzione come terapia di prima scelta.

Nel paziente sintomatico con euvolemia o ipervolemia, si utilizza una soluzione salina al 3%, eventualmente associata a furosemide per prevenire l'espansione del volume extracel-lulare, anche se non tutti gli autori concordano con questo approccio combinato. Se il paziente e euvolemico e pauci-sintomatico, soprattutto nel caso in cui l'osmolalita urinaria, pur essendo inappropriatamente aumentata, rimanga < 2CC mosm/L, la restrizione idrica e il presidio principale, riser-vando l'infusione di soluzione ipertonica al 3% alle situazioni clinicamente piu rilevanti.

Veniamo ora alla velocita di correzione dell'iponatremia in corso di infusione venosa di soluzione salina o di soluzione ipertonica. Schiacciato, da una parte, dal rischio dell'ence-falopatia iponatremica di per se e, dall'altra, dal dubbio di indurre una sindrome osmotica demielinizzante per una correzione troppo rapida, il clinico rimane spesso indeciso sulla condotta da seguire [27]. Le sindromi osmotiche demie-linizzanti sono descritte soprattutto per incrementi della natremia > 12 mmol/L/24 ore-19 mmol/L/48 ore. E, per-tanto, consigliabile non superare l'incremento di S-1C mmol/ L/24 ore, contemplando, comunque, la possibilita di un incremento piu consistente (1-2 mmol/L/ora nelle prime ore) in caso di sintomi particolarmente severi e di iponatremia acuta. In soggetti malnutriti, alcolisti o ipopotassiemici la velocitè di correzione deve essere piu prudente e, secondo alcuni autori, non superare 4-8 mmol/L/die. Una condotta ragionevole è attenuare i sintomi neurologici, quindi ridurre la velocita di infusione. I diuretici dell'ansa, se associati all'infusione di soluzione ipertonica, aumentano la velocita di incremento della natremia, ma possono essere utili nelle forme acute e severe per ridurre l'espansione del LEC indotta dall'infusione di soluzione ipertonica.

Una volta scelta la soluzione da impiegare, le formule per stabilire la velocitè di infusione sono molteplici. Quella suggerita da Adrogue e Madias [13] rimane la piu utilizzata anche se negli ultimi anni sono emersi dubbi sulla sua reale capacita di stimare correttamente l'incremento della natre-mia, che sarebbe inferiore, secondo alcuni autori, a quello che si verifica in pratica, con conseguente rischio di indurre una correzione eccessiva della natremia. Tale rischio non sembra essere particolarmente evidente nelle prime ore di trattamento, mentre tende a evidenziarsi piè tardivamente,

Tabella 14 Correzione dell'iponatremia.

Formula di Adrogué e Madias (stima l'effetto sulla natremia di 1 L della soluzione infusa) Cambiamento della natremia = Concentrazione del sodio infuso — Natremia/H2O totale *1

H2O totale = Peso corporeo in kg x 0,60 (uomini giovani e bambini) H2O totale = Peso corporeo in kg x 0,50 (donne giovani e uomini anziani) H2O totale = Peso corporeo in kg x 0,45 (donne anziane)

Concentrazione di sodio delle diverse soluzioni per infusione ev

Soluzione salina NaCl 0,9% (fisiologica) 154 mmol/L

Soluzione ipertonica NaCl 1,8% 308 mmol/L

Soluzione ipertonica NaCl 3% 513 mmol/L

Soluzione elettrolitica reidratante 140 Na* mmol/L

Ringer lattato 130 mmol/L

Soluzione glucosata 5% 0 mmol/L

NaCl fiale da 10 mL (2 mmol/mL) 20 mmol

Fonte: modificata da Adrogué HJ, et al. N Engl J Med 2000;342(21):1581-9.

Tabella 15 Soluzione salina ipertonica.

Come ottenere una soluzione ipertonica NaCl attorno al 3% a partire dalla soluzione salina 0,9% NaCl

(250 ml di soluzione salina 0,9% NaCl — 50 cc) * 5 fiale NaCl da 10 ml (2 mmol/mL di Na) = = 523 mmol/L di sodio

(soluzione NaCl 3,05%)

La soluzione ipertonica NaCl 3% ha una concentrazione di sodio pari a 514 mmol/L, ma à difficilmente reperibile nei reparti di Medicina. La procedura indicata serve a produrre una soluzione ipertonica molto vicina alla soluzione ipertonica NaCl 3%

dal momento che la formula non considera le perdite renali ed extrarenali che via via si manifestano [28]. La formula di Adrogué e Madias e applicabile a qualsiasi soluzione s'intenda infondere e definisce l'incremento della natremia (in mmol/ L) che otterra l'infusione di 1 L della soluzione scelta. Quindi, dividendo questo valore per 24 si ottiene la velocitàa di correzione oraria (tabella 14). Un'altra difficoltà che puà incontrare il medico nella gestione del paziente con ipona-tremia severa à, spesso, la mancata disponibilità di soluzioni saline ipertoniche precostituite al 3%. In tabella 15 sono riportate schematicamente le procedure per creare rapidamente soluzioni saline ipertoniche partendo dalle fiale di NaCl 2 mmol/mL, presenti nei reparti medici, e dai flaconi di soluzione fisiologica. I calcoli riportati in tabella 15 si riferi-scono al flacone di soluzione fisiologica da 250 mL. La soluzione che si ottiene (NaCl 3,05%) ha una concentrazione di sodio pari a 523 mmol/L, molto simile alla soluzione ipertonica al 3% di NaCl (513 mmol/L). Durante l'infusione di soluzione ipertonica àe fondamentale lo stretto monitoraggio clinico e dei livelli sierici di Na*, con prelievi ogni 4 ore.

Nuove prospettive terapeutiche

Le nuove prospettive terapeutiche, oggetto di studi clinici appena conclusi o ancora in corso, sono rappresentate dagli antagonisti dei recettori dell'ADH (vaptani), definiti anche ''acquaretici'' in quanto promuovono l'escrezione renale di H2O libera. In considerazione del loro meccanismo d'azione, trovano indicazione nei pazienti con iponatremia euvolemica o ipervolemica, di entità lieve-moderata, mentre per le forme acute severe l'infusione di soluzione ipertonica (NaCl

3%) rimane tuttora il cardine della terapia. Gli studi sono stati condotti finora in pazienti con cirrosi epatica, scompenso cardiaco congestizio e SIAD. Sono controindicati nelle forme ipovolemiche e non sono ritenuti utili nella polidipsia psico-gena.

I recettori per l'ADH sono di tre sottotipi con effetti e distribuzione diversi:

t V1a: vasocostrizione, ipertrofia miocardica, aggregazione piastrinica, glicogenolisi, contrazione uterina. Sono loca-lizzati in muscolatura liscia vasale, piastrine, epatociti e miometrio;

t V1b: rilascio di ACTH. Sono localizzati nell'ipofisi anteriore; t V2: sintesi e inserimento dei canali per l'H2O (acquapo-rine), vasodilatazione, rilascio del fattore VIII e del fattore di von Willebrant. Sono localizzati in corrispondenza di tubulocollettore, parete muscolare vasale, endotelio [29].

II meccanismo d'azione dei vaptani à da ricercare nella riduzione dei livelli di acquaporina2, molecola con affinità per il recettore V2 dell'ADH. Durante il loro impiego non e indispensabile la restrizione idrica.

Le molecole finora studiate sono: conivaptan, tolvaptan, lixivaptan, satavaptan, tutti inibitori del recettore V2 a eccezione del conivaptan, che esplica la sua azione nei confronti sia del recettore V1a sia del recettore V2. La doppia azione del conivaptan à utile nei pazienti con scompenso cardiaco, percheé induce aumento della gittata cardiaca, riduzione delle resistenze periferiche e riduzione della pres-sione arteriosa per effetto dell'antagonismo sul recettore V1a.

Nel 2005 la Food and Drug Administration ha approvato l'uso del conivaptan per via endovenosa come terapia a breve termine nei pazienti ospedalizzati euvolemici e ipervolemici.

A lungo termine, tuttavia, puè interferire con l'azione di altri farmaci, poiché inibisce il CYP3A4. Gli effetti collaterali piè frequenti sono il rischio di sovracorrezione (osservata con una certa frequenza, pur in assenza di conseguenze cliniche), reazioni locoregionali nelle sedi di infusione, ipotensione arteriosa, sete, polidipsia, ipovolemia [3C].

Anche per il satavaptan eè frequente la correzione troppo rapida della natremia, pur in assenza di conseguenze.

Il lixivaptan si e mostrato efficace nel trattamento di cirrosi, scompenso cardiaco e SIAD; e ben tollerato e ha effetti collaterali sovrapponibili al placebo.

Il tolvaptan, valutato in due trial randomizzati in doppio cieco (SALT 1-2) per 3C giorni in pazienti iper o euvolemici, ha come effetti collaterali sete, secchezza delle fauci, in alcuni casi incremento eccessivo della natremia, con eventi avversi e decessi sovrapponibili al gruppo con placebo. Nello studio Everest (American College of Cardiology Meeting, 2CC7) si sono valutate tollerabilita, efficacia e sicurezza del tolvaptan in pazienti con scompenso cardiaco congestizio nelle Classi NYHA III e IV; non si è avuta evidenza di riduzione né di mortalita né delle giornate di degenza, mentre si è registrato un incremento della sodiemia e l'attenuazione di edemi e dispnea.

Dagli studi sinora condotti, i vaptani sembrano poter apportare vantaggi nella terapia dello scompenso cardiaco, mostrando al contempo sicurezza ed efficacia a breve termine, pur non riducendo la mortalitè [31]. Sembrano, inol-tre, promettenti nella terapia della cirrosi epatica e della SIAD.

Attualmente questa nuova categoria di farmaci, che sara presto disponibile per la pratica clinica anche in Italia, appare una possibile vantaggiosa risorsa nella difficile gestione delle iponatremie a volume normale o espanso [32,33]. Occorreranno, tuttavia, ulteriori studi perdefinirne la reale efficacia, gli effetti a distanza e nelle terapie a lungo termine [34]. Il primo farmaco appartenente a questa nuova categoria a essere commercializzato in Italia sarè il tolvaptan, che avrè inizialmente come unica indicazione la SIAD.

Conflitto di interesse

Gli autori dichiarano di essere esenti da conflitto di interessi. Bibliografía

[1] Asadollahi K, Beeching N, Gill G. Hyponatraemia as a risk factor for hospital mortality. QJM 2CC6;99(12):S77—SC.

[2] Ellison DH, Berl T. Clinical practice. The syndrome of inappropriate antidiuresis. N Engl J Med 2CC7;356(2C):2C64—72.

[3] Singla I, Zahid M, Good CB, Macioce A, Sonel AF. Effect of hyponatremia (< 135 mEq/L) on outcome in patients with non-ST-elevation acute coronary syndrome. Am J Cardiol 2CC7;1CC(3):4C6—S.

[4] GheorghiadeM, Rossi JS, Cotts W, Shin DD, Hellkamp AS, Pina IL, et al. Characterization and prognostic value of persistent hypo-natremia in patients with severe heart failure in the ESCAPE Trial. Arch Intern Med 2CC7;167(1S):199S—2CC5.

[5] Heuman DM, Abou-Assi SG, Habib A, Williams LM, Stravitz RT, Sanyal AJ, et al. Persistent ascites and low serum sodium identify patients with cirrhosis and low MELD scores who are at high risk for early death. Hepatology 2CC4;4C(4): SC2—1C.

[6] Kim DJ, Lee SK, Jo JW, Kim SJ, Kwon CH, Park JW, et al. Prognosis after liver transplantation predicted by preoperative MELD score. Transplant Proc 2006;38(7):2095-6.

[7] Biggins SW, Kim WR, Terrault NA, Saab S, Balan V, Schiano T, et al. Evidence-based incorporation of serum sodium concentration into MELD. Gastroenterology 2006;130(6):1652—60.

[8] Whelan B, Bennett K, O'Riordan D, Silke B. Serum sodium as a risk factor for in-hospital mortality in acute unselected general medical patients. QJM 2009;102(3):175—82.

[9] Lien YH, Shapiro JI. Hyponatremia: clinical diagnosis and management. Am J Med 2007;120(8):653—8.

[10] Hoorn EJ, Lindemans J, Zietse R. Development of severe hyponatraemia in hospitalized patients: treatment-related risk factors and inadequate management. Nephrol Dial Transplant 2006;21(1):70—6.

[11] Shutty Jr MS, Briscoe L, Sautter S, Leadbetter RA. Neuropsy-chological manifestations of hyponatremia in chronic schizophrenic patients with the syndrome of psychosis, intermittent hyponatremia and polydipsia (PIP). Schizophr Res 1993;10(2): 125—30.

[12] Bissram M, Scott FD, Liu L, RosnerMH. Risk factors for symptomatic hyponatraemia: the role of pre-existing asymptomatic hyponatraemia. Intern Med J 2007;37(3):149—55.

[13] Adrogue HJ, Madias NE. Hyponatremia. N Engl J Med 2000; 342(21):1581—9.

[14] Reynolds RM, Padfield PL, Seckl JR. Disorders of sodium balance. BMJ 2006;332(7543):702—5.

[15] Orakzai RH, Orakzai SH, Hasley PB. Treating hyponatremia: how slow is safe? Central pontine myelinolysis despite appropriate correction of hyponatremia. Eur J Intern Med 2008;19(6): e29—31.

[16] Le Berre JP, Desramé J, Lecoules S, Coutant G, Bechade D, Algayres JP. Hyponatremia due to tramadol. Rev Med Interne 2007;28(12):888—9.

[17] Liapis K, Apostolidis J, Charitaki E, Panitsas F, Harhalakis N, Nikiforakis E. Syndrome of inappropriate secretion of antidiu-retic hormone associated with imatinib. Ann Pharmacother 2008;42(12):1882—6.

[18] Esposito P, RampinoT, Gregorini M, SoccioG, Piotti G, BedinoG, et al. Severe symptomatic hyponatremia during sibutramine therapy: a case report. Am J Kidney Dis 2008;52(1):137—9.

[19] Berker D, Aydin Y, Arduc A, Ustun I, Ergun B, Guler S. Severe hyponatremia due to rosiglitazone use in an elderly woman with diabetes mellitus: a rare cause of syndrome of inappropriate antidiuretic hormone secretion. Endocr Pract 2008;14(8): 1017—9.

[20] Kohen I, Voelker S, Manu P. Antipsychotic-induced hyponatremia: case report and literature review. Am J Ther 2008;15(5): 492—4.

[21] Palmer BF. Hyponatremia in patients with central nervous system disease: SIADH versus CSW. Trends Endocrinol Metab 2003;14(4):182—7.

[22] Palmer BF. Hyponatraemia in a neurosurgical patient: syndrome of inappropriate antidiuretic hormone secretion versus cerebral salt wasting. Nephrol Dial Transplant 2000;15(2):262—8.

[23] Smellie WS, Heald A. Hyponatraemia and hypernatraemia: pitfalls in testing. BMJ 2007;334(7591):473—6.

[24] Faustini-Fustini M, Anagni M. Beyond semantics: defining hyponatremia in secondary adrenal insufficiency. J Endocrinol Invest 2006;29(3):267—9.

[25] Warner MH, Holding S, Kilpatrick ES. The effect of newly diagnosed hypothyroidism on serum sodium concentrations: a retrospective study. Clin Endocrinol (Oxf) 2006;64(5):598—9.

[26] Halperin ML, Kamel KS. A new look at an old problem: therapy of chronic hyponatremia. Nat Clin Pract Nephrol 2007;3(1): 2—3.

[27] Faustini-Fustini M. In: Beck-Peccoz P, editor. Le iponatremie di origine centrale. Ipofisi. Roma: Pensiero Scientifico; 2009.

[28] Mohmand HK, Issa D, Ahmad Z, Cappuccio JD, Kouides RW, Sterns RH. Hypertonic saline for hyponatremia: risk of inadvertent overcorrection. Clin J Am Soc Nephrol 2007;2(6):1110—7.

[29] Greenberg A, Verbalis JG. Vasopressin receptor antagonists. Kidney Int 2006;69(12):2124—30.

[30] AnnaneD, DecauxG, Smith N, Conivaptan Study Group. Efficacy and safety of oral conivaptan, a vasopressin-receptor antagonist, evaluated in a randomized, controlled trial in patients with euvolemic or hypervolemic hyponatremia. Am J Med Sci 2009;337(1):28—36.

[31] Oghlakian G, Klapholz M. Vasopressin and vasopressin receptor antagonists in heart failure. Cardiol Rev 2009;17(1):10—5.

[32] Schrier RW, Gross P, Gheorghiade M, Berl T, Verbalis JG, Czerwiec FS, et al., SALT Investigators. Tolvaptan, a selective oral vasopressin V2-receptor antagonist, for hyponatremia. N Engl J Med 2006;355(20):2099—112.

[33] Verbalis JG, Goldsmith SR, Greenberg A, Schrier RW, Sterns RH. Hyponatremia treatment guidelines 2007: expert panel recommendations. Am J Med 2007; 120(11 Suppl 1): S1—21.

[34] Berl T, Quittnat-Pelletier F, Verbalis JG, Schrier RW, Bichet DG, OuyangJ, etal., SALTWATER Investigators. Oral tolvaptan is safe and effective in chronic hyponatremia. J Am Soc Nephrol 2010;21(4):705—12.