Scholarly article on topic 'Trattamento medico a lungo termine del paziente sottoposto a trapianto di fegato'

Trattamento medico a lungo termine del paziente sottoposto a trapianto di fegato Academic research paper on "Animal and dairy science"

0
0
Share paper
Academic journal
Italian Journal of Medicine
OECD Field of science
Keywords
{""}

Academic research paper on topic "Trattamento medico a lungo termine del paziente sottoposto a trapianto di fegato"

Italian Journal of Medicine (2010) 4, 230—238

ELSEVIER

disponibile su www.sciencedirect.com

m%0 ScienceDirect

journal homepage: www.elsevier.com/locate/itjm

RASSEGNA

Trattamento medico a lungo termine del paziente sottoposto a trapianto di fegato

Long-term care in orthotopic liver transplantation Maria C. Morelli^*, Antonio D. Pinnab

a Dipartimento Malattie Apparato Digerente e Medicina Interna, Azienda Ospedaliero-Universitaria ''Policlinico S. Orsola-Malpighi'', Bologna

bDipartimento Emergenza-Urgenza, Chirurgia Generale e dei Trapianti, Azienda Ospedaliero-Universitaria ''Policlinico S. Orsola-Malpighi'', Bologna

Ricevuto il 22 marzo 2010; accettato il 6 maggio 2010 disponibile online il 5 agosto 2010

KEYWORDS

Orthotopic liver transplantation; Immunosuppressive drugs;

Post-transplant care.

Summary Orthotopic liver transplantation is the treatment of choice for selected patients with end-stage liver disease or acute liver failure. Given the excellent long-term survival associated with this procedure, increasing emphasis is being placed on the recognition and prevention of post-transplant complications, detection of recurrent liver disease, and effective management of immunosuppressive drug therapy, which involves regular monitoring of blood levels and the identification of adverse effects and drug interactions. In this context, close interaction between the transplant surgeon, the hepatologist, and the family physician is of great value. The purpose of the present article is to review the multidisciplinar^ long-term care of liver transplant recipients, the detection and management of the most common post-transplant complications, and the effects of immunosuppression. The article is based on a PubMed search for articles (original research, reviews, meta-analyses) published between 1995 and 2010. The search terms used were ''liver transplantation'' AND any of the following: cardiovascular complications, long-term complications, malignancy, post-transplant care. © 2010 Elsevier Srl. All rights reserved.

Introduzione

Il trapianto di fegato costituisce l'unica opzione terapeutica per i pazienti affetti da cirrosi epatica in fase di scompenso

avanzato o da insufficienza epatica acuta in corso di epatite fulminante.

Attualmente la sopravvivenza dei pazienti dopo trapianto supera il 70% a 5 anni e nella maggior parte dei casi si associa

* Corrispondenza: Dipartimento Malattie Apparato Digerente e Medicina Interna, Azienda Ospedaliero-Universitaria ''Policlinico S. Orsola-Malpighi'', via Albertoni 15 — 40138 Bologna.

E-mail: mariacristina.morelli@aosp.bo.it (M.C. Morelli).

1877-9344/$ — see front matter © 2010 Elsevier Srl. Tutti i diritti riservati. doi:10.1016/j.itjm.2010.07.003

a una buona qualita di vita. L'indicazione al trapianto di fegato si pone essenzialmente per tutte le forme di insuffi-cienza epatica acuta o cronica. Le indicazioni piu frequenti sono le cirrosi postepatitiche (HBV, HCV, epatiti autoimmuni), le malattie colestatiche croniche (cirrosi biliare primitiva, colangite sclerosante primitiva, atresia delle vie biliari nei bambini), la cirrosi alcolica, le cirrosi criptogene-tiche, l'epatite fulminante, l'epatocarcinoma (Hepatocellular Carcinoma HCC). In Italia l'indicazione piu frequente al trapianto di fegato nell'adulto e attualmente rappresentata dalla cirrosi da virus HCV.

Mentre nel periodo postoperatorio precoce (primi 6 mesi) le principali cause di morbidité e mortalité sono correlate alla disfunzione primitiva dell'organo (primary graft dysfunction), a complicanze chirurgiche (trombosi arteria epatica, stenosi o deiescenza anastomosi biliari) o a infezioni postchirurgiche, a lungo termine esse sono principalmente in relazione a com-plicanze causate dalla terapia immunosoppressiva o a recidiva della malattia che ha portato il paziente al trapianto.

Il riconoscimento e il trattamento precoce delle compli-canze a lungo termine rivestono, pertanto, fondamentale importanza nella gestione del paziente trapiantato e coin-volgono direttamente il medico di Medicina Generale. Anche se il suo ruolo e di solito limitato durante il primo anno dopo l'intervento chirurgico, successivamente egli assume una maggiore responsabilitau nella gestione terapeutica del paziente, nell'intervento sullo stile di vita e nel trattamento precoce delle complicanze; in tal senso, é essenziale la conoscenza delle interazioni farmacologiche in corso di terapia immunosoppressiva.

Terapia immunosoppressiva nel paziente trapiantato di fegato

L'introduzione degli inibitori della calcineurina e di nuovi farmaci immunosoppressori ha notevolmente ridotto il numero e la severita degli episodi di rigetto nei riceventi di trapianto di fegato. Tuttavia, con il miglioramento della sopravvivenza, e stato osservato un aumentato numero di complicanze a lungo termine, come l'insufficienza renale cronica, i disturbi metabolici e le neoplasie [1], strettamente correlate alla terapia immunosoppressiva. Occorre inoltre considerare che la gestione dell'immunosoppressione e par-ticolarmente problematica nei riceventi con infezione da HCV, in quanto un regime troppo intenso di immunosoppres-sione puo favorire l'evoluzione della recidiva di epatite. Ne consegue la necessita di un utilizzo razionale degli immuno-soppressori, al fine di evitare che un'eccessiva immunosop-pressione esponga il paziente a infezioni opportunistiche o agli effetti collaterali dei farmaci, o che un'immunosoppres-sione insufficiente lo esponga al rischio di rigetto.

Nonostante il rigetto dell'organo trapiantato sia un evento precoce, solitamente nei primi mesi post-trapianto, la gran parte dei pazienti avré necessité di una terapia immunosoppressiva per tutta la vita. Nella fase di induzione, i farmaci pié utilizzati sono gli inibitori della calcineurina (tacrolimus e ciclosporina) in combinazione con steroidi. Nel 20% dei casi la terapia di induzione comprende l'impiego di anticorpi mono-clonali contro il recettore dell'interleuchina 2 (basiliximab e daclizumab) allo scopo di ridurre o eliminare la somministra-zione dello steroide, ridurre il dosaggio dell'inibitore della

calcineurina in presenza di insufficienza renale, oppure per raggiungere in tempi brevi la monoterapia con gli stessi inibitori della calcineurina [2].

Nella terapia di mantenimento la maggior parte dei pazienti assume una terapia di associazione con inibitori della calcineurina e micofenolato mofetile o azatioprina, con sospensione dello steroide a 6 mesi-1 anno.

A un anno dal trapianto l'87% dei pazienti in trattamento con tacrolimus assume un unico farmaco immunosoppres-sore, contro il 6% dei pazienti in ciclosporina [3,4].

Un'altra classe di immunosoppressori recentemente uti-lizzata in associazione o in sostituzione degli inibitori della calcineurina sono gli inibitori mTOR (rapamicina ed everoli-mus) che, fra le altre proprietà, possiedono quella di inibire la neoangiogenesi e la crescita delle cellule tumorali bloc-cando direttamente l'azione della proteina mTOR, coinvolta nel meccanismo di regolazione della crescita e proliferazione cellulare. Per queste proprieta, gli inibitori mTOR sono stati impiegati soprattutto nei pazienti sottoposti a trapianto per HCC.

Il monitoraggio dei livelli ematici degli inibitori della calci-neurina e degli inibitori mTOR rappresenta un aspetto di fondamentale importanza nella gestione del paziente dopo trapianto di fegato. Inoltre, non essendo sempre possibile evitare la somministrazione di farmaci che, analogamente a questa classi di immunosoppressori, sono metabolizzati attra-verso il citocromo P450 3A4, e necessario, ogni volta che si prescrive un nuovo farmaco, verificare le possibili interazioni con gli immunosoppressori e testare frequentemente il livello

Tabella 1 Effetti collaterali dei principali farmaci immunosoppressori.

Farmaco Effetti collaterali

Tacrolimus Nefrotossicita Diabete Ipertensione

Ciclosporina Nefrotossicita Neurotossicita (convulsioni, neuropatia) Ipertensione Ipertrofia gengivale Ipertricosi

Inibitori mTOR (rapamicina, everolimus) Dislipidemia Edemi Polmonite interstiziale Alterata cicatrizzazione delle ferite Depressione midollare

Corticosteroidi Obesitaa Diabete Osteoporosi

Azatioprina Depressione midollare Pancreatite malattia veno-occlusiva (VOD)

Micofenolato mofetile Diarrea, dolori addominali Cefalea, leucopenia, anemia, piastrinopenia

di questi ultimi in modo da mantenere concentrazioni efficaci ed evitare rischi di sovradosaggio.

Nella tabella 1 sono riassunti gli effetti collaterali più frequenti dei farmaci immunosoppressori, nella tabella 2 le principali interazioni farmacologiche.

Malattie cardiovascolari

Numerosi studi epidemiologici hanno dimostrato, nei pazienti trapiantati, un'elevata prevalenza dei principali fattori di rischio per malattie cardiovascolari quali iperten-sione, diabete, obesitù e dislipidemie [5], che si traduce in un'elevata incidenza di eventi cardiovascolari (25% dei pazienti a 10 anni).

Le malattie cardiovascolari costituiscono una delle prin-cipali cause di decesso a lungo termine, con una mortalitù per eventi cardiovascolari che supera il 20% nei pazienti trapiantati da più di 3 anni [б]. Il riconoscimento e il trattamento precoce dei fattori di rischio correlati allo sviluppo di malat-tie cardiovascolari rivestono, pertanto, estrema importanza.

Ipertensione arteriosa

Si definisce ipertensione ''de novo'' la comparsa, dopo trapianto, di valori pressori > 140/90 mmHg in un paziente precedentemente normoteso.

L'ipertensione arteriosa sistemica è una delle principali complicanze nel trapianto di fegato: in corso di terapia con inibitori della calcineurina raggiunge una prevalenza fra il 60 e il 90% e, a 10 anni dal trapianto, il 20% dei pazienti necessita di trattamento con più di un farmaco antiperten-sivo [7,8].

La terapia con inibitori della calcineurina e steroidi e la causa principale dell'ipertensione; la ciclosporina si associa ad aumentata produzione di renina e angiotensina; il tacro-limus e la ciclosporina causano inoltre aumentata sintesi di vasocostrittori come l'endotelina e ridotta produzione di vasodilatatori quali prostaciclina e ossido nitrico. Gli steroidi aumentano l'attivita del sistema renina-angiotensina e la risposta vasocostrittiva a norepinefrina e angiotensina II. In considerazione dell'elevato rischio di eventi cardiovasco-lari nei pazienti trapiantati di fegato, si raccomanda di introdurre la terapia antiipertensiva per valori di pressione arteriosa > 130/S0 mmHg e > 125/75 mmHg nei pazienti diabetici, con proteinuria o insufficienza renale.

Trattamento

Il primo approccio terapeutico consiste nell'intervento sullo stile di vita raccomandando restrizione dell'assunzione di sale conglialimentie, incasodisovrappesooobesità, attività fisica aerobica e dieta ipocalorica ai fini di un graduale calo ponderale; fortemente consigliata à la sospensione del fumo.

L'approccio farmacologico pià condiviso si basa sull'im-piego dei vasodilatatori. I farmaci di prima scelta sono, pertanto, i calcio-antagonisti e in particolare la classe delle diidropiridine (nifedipina, nicardipina e amlodipina), mentre diltiazem e verapamil sono pià difficilmente gestibili a causa delle interferenze con il metabolismo degli inibitori della calcineurina e il conseguente rischio di sovradosaggio di questi ultimi.

L'attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone svolge un ruolo soprattutto nelle fasi tardive dello sviluppo dell'ipertensione dopo trapianto e, pertanto, ACE-inibitori o antagonisti del recettore per l'angiotensina sono consigliati soprattutto a distanza dal trapianto, oppure precocemente in presenzadi proteinuria. Questi ultimi sono inoltre consigliati in associazione con calcio-antagonisti qualora la monoterapia non sia sufficiente a normalizzare i valori pressori.

Qualora la pressione arteriosa non sia controllata dall'as-sociazione calcio-antagonista e ACE-inibitori, si consiglia l'associazione di un terzo farmaco, quale un alfalitico (doxa-sozina) [9,10].

Per quanto riguarda l'utilizzo di beta-bloccanti, un recente studio comparativo fra nifedipina e carvedilolo [11] in monoterapia non ha dimostrato differenze in termini di efficacia fra i due farmaci; in questo studio, solo il 20% dei pazienti raggiungeva un efficace controllo pressorio con la monoterapia, con una maggiore percentuale di risposta a nifedipina + ACE-inibitore rispetto alla combinazione beta-bloccante + ACE-inibitore. L'uso del carvedilolo si à associato a una significativa interferenza con i livelli ematici del tacrolimus [11].

Diabete mellito

La terapia immunosoppressiva e l'infezione da virus HCV costituiscono i principali fattori di rischio per l'insorgenza di diabete mellito post-trapianto di fegato. Studi di confronto fra tacrolimus e ciclosporina hanno evidenziato un'incidenza media del 15% nei trattati con tacrolimus contro il 5% nei

Tabella 2 Inibitori della calcineurina e inibitori mTOR: interazioni farmacologiche.

Inibitori del citocromo P450 che possono aumentare i livelli ematici degli immunospressori

Induttori del citocromo P450 che possono ridurre i livelli ematici degli immunospressori

Eritromicina, claritromicina

Fluconazolo, clotrimossazolo, ketoconazolo, voriconazolo Succo di pompelmo Ditiazem, verapamil Ranitidina

Lovastatina, simvastatina, atorvastatina Lansoprazolo, omeprazolo Amiodarone

Meglitinide, glibenclamide

Carbamazepina, fenitoina, fenobarbital

Rifampicina, rifabutina

Warfarin

Isoniazide

Caspofungin

trattati con ciclosporina [12]. La presenza di diabete mellito si associa a una prognosi peggiore a 5 anni, in quanto nei pazienti diabetici si rileva un maggior numero di complicanze (rigetto, infezioni, complicanze cardiovascolari e insuffi-cienza renale) [13].

Si accomanda il frequente controllo del profilo glicemico effettuando almeno ogni 3 mesi la determinazione della glicemia a digiuno; il dosaggio dell'emoglobina glicata andrebbe eseguito periodicamente dopo il terzo mese, in quanto non attendibile nei primi mesi post-trapianto a causa delle emotrasfusioni ai quali solitamente i pazienti sono stati sottoposti durante e dopo l'intervento.

La gestione del diabete mellito nel paziente trapiantato non differisce da quella del non trapiantato. Il controllo del peso corporeo e interventi educazionali sullo stile di vita del paziente devono essere raccomandati gia per livelli di glice-mia a digiuno > 11G mg/dL e > 14G mg/dL postprandiale.

Per quanto riguarda l'uso degli ipoglicemizzanti orali, non vi sono studi comparativi sull'efficacia dei diversi farmaci; la scelta del farmaco si orienterà sulla base delle caratteristi-che cliniche individuali del paziente [14]. La metformina puo essere impiegata in questi pazienti, ma considerando il rischio di acidosi lattica il farmaco e controindicato per livelli di creatininemia > 1,5 mg/dL nei maschi e > 1,25 mg/dL nelle femmine [15].

Farmaci stimolanti la secrezione insulinica quali sulfani-luree e glinidi sono gravati dal rischio di ipoglicemia, in particolare in corso di insufficienza renale e insufficienza epatica. I glitazoni hanno come effetti collaterali l'aumento di peso, edemi e anemia e sono controindicati nell'insuffi-cienza epatica.

Si segnala che la ciclosporina puà aumentare sensibil-mente le concentrazioni plasmatiche della repaglinide, con rischio di crisi ipoglicemiche [1б].

Qualora l'uso degli ipoglicemizzanti orali sia controindicato, o il trattamento non mantenga valori di glicemia a digiuno < 12G mg/dL o < 16g mg/dL postprandiali oppure livelli di emoglobina glicata < 7%, e indicato iniziare un trattamento insulinico.

Dislipidemia

Dopo trapianto di fegato, fra il 16 e il 43% dei pazienti sviluppa ipercolesterolemia e il 40% ipertrigliceridemia, mentre nel 10-12% la dislipidemia e caratterizzata da un aumento sia del colesterolo sia dei trigliceridi [17].

L'eziologia della dislipidemia post-trapianto e multifatto-riale e riconosce come cause principali l'aumento dell'appe-tito, l'obesita e l'elevata prevalenza di diabete mellito de novo, nonché l'insufficienza renale cronica; a questi fattori si associa l'effetto iperlipemizzante degli immunosoppressori.

• Gli steroidi aumentano l'escrezione epatica di VLDL e la conversione a LDL.

• Gli inibitori mTOR sono causa diretta di dislipidemia con ipercolesterolemia in oltre il 40% dei pazienti trattati [18].

• Fra gli inibitori della calcineurina, la ciclosporina, inibendo la sintesi di acidi biliari dal colesterolo e la secrezione di questo nella bile, determina un aumento del colesterolo intraepatocitario e dei livelli circolanti.

E documentato un minor effetto iperlipemizzante del tacrolimus rispetto alla ciclosporina [19].

Nel trattamento della dislipidemia dopo trapianto e rac-comandabile procedere gradualmente, correggendo in prima istanza lo stile di vita con l'introduzione di una dieta a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo e l'incremento dell'attività fisica aerobica.

Se a distanza di б mesi queste misure non hanno determi-nato un miglioramento del profilo lipidico, e consigliata la terapia farmacologica con il fine di mantenere livelli di LDL < 100 mg/dL. Nei pazienti che assumono terapia immunosoppressiva il trattamento con inibitori della HMG-CoA reduttasi (statine) e particolarmente complesso, in quanto questi farmaci sono prevalentemente metabolizzati attraverso il sistema enzimatico del citocromo P45G 3A4 e sono ad alto rischio di interazione farmacologica, con conseguente sovra-dosaggio e comparsa di effetti collaterali.

Il rischio di interazioni farmacologiche e sempre teoricamente possibile anche con farmaci quali la pravastatina e la fluvastatina, metabolizzate solo parzialmente attraverso il CYP 3A4 [20—22]. Il trattamento con statine andra pertanto iniziato con basse dosi e preferibilmente con le molecole a minor rischio di interazione, attuando un frequente monito-raggio di creatinfosfochinasi, AST e ALT e informando il paziente che la comparsa di mialgie puà essere un segno d'allerta per la comparsa di rabdomiolisi o miosite.

L'ezetimibe e risultato efficace e sicuro nei pazienti sottosti a trapianto d'organo e recentemente anche in un gruppo di pazienti trapiantati di fegato [23]. I fibrati sono controindicati in caso di insufficienza renale e in associazione con statine e inibitori della calcineurina.

Qualora l'iperlipidemia non risponda al trattamento farmacologico puà essere valutata una variazione della terapia immunosoppressiva, riducendo o sospendendo gli steroidi oppure sostituendo la ciclosporina o gli inibitori mTOR con il tacrolimus [24].

Insufficienza renale

L'insufficienza renale dopo trapianto di fegato puo manife-starsi con le caratteristiche dell'insufficienza renale acuta, che insorge nell'immediato postoperatorio, o dell'insufficienza renale cronica, che nella maggior parte dei casi si sviluppa tra i 5 e 10 anni dopo il trapianto. In un recente studio su pazienti trapiantati di organo solido (escluso il trapianto renale) l'incidenza dell'insufficienza renale cronica severa, definita come clearance della creatinina < 30 mL/min, era pari all'8%, al 13,9% e al 18,1% rispettiva-mente a 1, 3 e 5 anni dopo trapianto di fegato; l'insufficienza renale cronica severa si associa a un significativo aumento del rischio di morte [25].

Causa principale dell'insufficienza renale dopo trapianto à la nefrotossicita indotta dagli inibitori della calcineurina; si tratta di un fenomeno non dose-dipendente e non completamente reversibile con la sospensione del farmaco. L'effetto nefrotossico di ciclosporina e tacrolimus appaiono sovrappo-nibili [26].

Nonostante l'insufficienza renale cronica sia un evento tardivo nella storia naturale del paziente trapiantato di fegato, e dimostrato che dal 25 al 5G% della funzione renale viene persa nel primo anno post-trapianto, nel periodo in cui la terapia immunosoppressiva viene somministrata a dosaggi piu elevati.

Nei pazienti a rischio di insufficienza renale cronica postoperatoria vengono solitamente adottati schemi di terapia immunosoppressiva di associazione con altri farmaci (mico-fenolato mofetile, inibitori mTOR) volti a ridurre le dosi degli inibitori della calcineurina [27,28].

L'efficacia e la sicurezza degli inibitori mTOR (rapamicina ed everolimus) in monoterapia nel trapianto di fegato sono attualmente in fase di valutazione [29—31].

Occorre sottolineare che, in presenza di insufficienza renale, le variazioni della terapia immunosoppressiva vanno attuate il più precocemente possibile, preferibilmente entro il primo anno dopo trapianto, affinché possano risultare efficaci in termini di riduzione del danno renale. Analogamente a quanto dimostrato nel trapianto renale, va segnalato l'effetto nefroprotettivo di calcio-antagonisti, ACE-inibitori e antagonisti del recettore per l'angiotensina in presenza di proteinuria [32].

Osteoporosi

Osteopenia e fratture spontanee sono complicanze frequenti nel post-trapianto, con un'incidenza cumulativa di fratture frail 14-50% a 12 mesi eil 24-55% a 24 mesi; il rischio si riduce dopo 2 anni, con il recupero della massa ossea [33].

Tra i fattori di rischio correlati allo sviluppo di osteoporosi si ricordano: l'eta del ricevente, il sesso femminile, la mal-nutrizione, il trattamento con alte dosi di steroidi, i valori densitometrici osteopenici o osteoporotici pretrapianto e precedenti microfratture ossee. Anche l'eziologia della malattia epatica sembra svolgere un ruolo, con un maggior rischio per le malattie colestatiche (cirrosi biliare primitiva e colangite sclerosante) e la cirrosi alcolica. L'insufficienza renale cronica nel post-trapianto contribuisce allo sviluppo di osteoporosi a causa della ridotta sintesi di 1,25-diidrossi-vitamina D e dell'iperparatiroidismo secondario.

In tutti i riceventi trapianto d'organo con densitometria ossea che rilevi T-score < 2,0, si raccomanda una precoce profilassi con calcio, vitamina D e bifosfonati

Nel post-trapianto I bifosfonati di seconda e terza gene-razione, per os o per via parenterale, si sono dimostrati efficaci e ben tollerati [34].

Neoplasie de novo

Le neoplasie de novo sono la seconda causa di mortalitaù tardiva nei pazienti sottoposti a trapianto di fegato, respon-sabili di oltre il 25% dei decessi nei pazienti con sopravvivenza > 3 anni dal trapianto [35]. Il rischio di sviluppo di neoplasie de novo nei pazienti trapiantati ù complessivamente 2-4 volte superiore a quello della popolazione generale [36,37]. L'incidenza complessiva varia fra il 3 e il 22%, con ampia variabilitùa nelle diverse casistiche a causa delle dif-ferenti modalita di selezione, del tipo di neoplasia monito-rato e della durata del follow-up.

L'aumentato rischio di neoplasie de novo risulta partico-larmente aumentato per i tumori correlati a infezioni virali quali i linfomi non Hodgkin (Post-Transplant Lymphoprolife-rative Disease, PTLD), il sarcoma di Kaposi, il cancro della cervice uterina. Il rischio di tumori cutanei ù altresi significativamente aumentato, mentre l'incidenza di altri tumori solidi (quali colon-retto, polmone, laringe e vescica) appare

aumentata in misura meno rilevante. Per quanto concerne il tumori prostatico e della mammella, non vi sono dati che riportino un'aumentata incidenza rispetto alla popolazione di riferimento.

Le neoplasie cutanee hanno una distribuzione istologica solitamente differente da quella della popolazione non tra-piantata. Prevalgono i carcinomi spinocellulari rispetto ai basocellulari; in confronto alla popolazione generale la pre-valenza dei primi ù da 40 a 250 volte superiore [38].

Va sottolineato che alcuni tipi di neoplasie si associano specificamente alla malattia epatica che ha condotto al trapianto. In particolare, si registra un significativo aumento del rischio di cancro colo-rettale nei pazienti sottoposti a trapianto di fegato per colangite sclerosante primitiva asso-ciata a rettocolite ulcerosa.

Un'altro gruppo di riceventi a elevato rischio di neoplasie de novo eù costituita dai pazienti trapiantati per cirrosi alcolica. In questi pazienti vi e un elevato rischio di sviluppo di neoplasie dell'orofaringe e del polmone, anche a causa della frequente associazione dell'abuso alcolico con il taba-gismo; l'incidenza complessiva per ognuna delle due pato-logie varia tra lo 0,2 e l'1,5%.

Raccomandazioni

La prima raccomandazione consiste nell'ottimizzare la terapia immunosoppressiva evitando il sovradosaggio o i regimi troppo intensi non necessari soprattutto nel lungo termine. L'uso di inibitori mTOR si associa a un'inferiore incidenza di tumori cutanei dimostrata nei pazienti portatori di trapianto renale.

Si raccomanda una sorveglianza precoce delle infezioni virali, quali l'infezione da EBV nei riceventi EBV-negativi prima del trapianto, e della viremia HHVS nei riceventi HHVS-negativi che abbiano ricevuto organi da donatori con sierologia positiva per HHVS.

Particolarmente importante e l'intervento sullo stile di vita, con una forte raccomandazione per la sospensione del fumo, l'astensione dall'alcol e la riduzione dell'esposizione alle radiazioni solari.

Per quanto concerne lo screening di prevenzione delle neoplasie, le raccomandazioni seguono quanto indicato per la popolazione generale, tenendo in considerazione il rischio aumentato per alcune neoplasie dopo trapianto.

• Tumori cutanei: visita dermatologica annuale.

• Cancro della mammella: mammografia ogni 12-24 mesi nelle pazienti di eta > 40 anni.

• Cancro del colon: esecuzione di colonscopia ogni 5 anni in tutti i soggetti di etùa > 55 anni; nei pazienti portatori di rettocolite ulcerosa, sorveglianza endoscopica annuale.

• Cancro prostatico: visita urologica e dosaggio del PSA annuale.

• Cancro della cervice uterina: PAP test ogni 2-3 anni.

• Nei riceventi trapiantati per cirrosi alcolica: visita ORL ed esofago-gastroduodenoscopia annuale.

Ricorrenza di malattia

Recidiva di HCV

In Italia, la cirrosi epatica da HCV ù la più frequente indica-zione al trapianto di fegato; oltre il 40% dei trapianti eù

eseguito in pazienti infetti da HCV [39]. Nei soggetti con segni di replicazione virale pretrapianto (HCV-RNA positivo), la recidiva dell'infezione post-trapianto e universale; la rein-fezione dell'organo trapiantato avviene a distanza di poche ore dalla riperfusione intraoperatoria del fegato e la repli-cazione virale, dopo una marcata riduzione nei primi 2 giorni post-trapianto, ritorna a valori pretrapianto solitamente nei primi 8 giorni e raggiunge un picco entro 3 mesi dall'inter-vento con valori di viremia molto superiori a quello pretrapianto [39—41].

La recidiva di epatite C si sviluppa nel 75-8G% dei casi e tipicamente si manifesta entro 1-6 mesi dal trapianto. L'esor-dio e in genere caratterizzato dall'incremento delle transa-minasi in un paziente solitamente asintomatico, con successiva cronicizzazione in circa il 90% dei pazienti. La biopsia epatica à indispensabile per escludere altre forme di disfunzione epatica, in particolare il rigetto acuto.

La recidiva di epatite C si manifesta con due diversi quadri clinici.

• Il primo, meno frequente ma a evoluzione rapida verso l'insufficienza epatica terminale, si associa al quadro isto-logico dell'epatite fibrosante colestatica, che si caratte-rizza per elevati livelli replicativi di HCV-RNA, scarsa attività infiammatoria e severa colestasi [41].

• Il secondo quadro, piu frequente, e caratterizzato dal quadro istologico classico dell'epatite lobulare e da un'e-voluzione verso la forma classica di epatite cronica.

Circa l'8G-9G% dei pazienti con epatite acuta evolvera verso la cronicizzazione e la progressione a cirrosi e osser-vabile nel 25-3G% circa dei pazienti entro 5-7 anni dall'in-tervento. Nel paziente trapiantato che sviluppa cirrosi il decorso clinico e solitamente piu rapido, con precoce comparsa di scompenso [42].

La terapia antivirale nei trapiantati e risultata comples-sivamente meno efficace rispetto ai non trapiantati, con percentuali complessive di risposta virologica sostenuta che vanno dal 15% con gli interferoni tradizionali o peghilati in monoterapia, al 2G-48% con la terapia combinata interfe-rone-ribavirina [43,44].

La gestione della terapia antivirale nei pazienti trapian-tati e particolarmente complessa a causa delle sue intera-zioni con la terapia immunosoppressiva e della frequente comparsa di effetti collaterali; inoltre, in molti pazienti e necessario associare una terapia con fattori di crescita gra-nulocitari o eritropoietina allo scopo di mantenere dosi efficaci dei farmaci antivirali.

Recidiva diHBV

Le cirrosi da HBV e HBV-delta e l'epatite fulminante da HBV costituiscono indicazioni consolidate al trapianto di fegato. Grazie all'introduzione di nuovi farmaci antivirali — quali gli analoghi nucleosi(ti)dici lamivudina, adefovir, entecavir, teno-fovir, telbivudina, efficaci nel controllo della replicazione virale da HBV pretrapianto — possono essere sottoposti a trapianto pazienti che, a causa dell'elevata replicazione e dell'altissima probabilita di reinfezione post-trapianto, fino a qualche anno fa sarebbe stato impossibile trapiantare. La profilassi nel post-trapianto con immunoglobuline specifiche anti-HBs (HBIG) ha ulteriormente ridotto le possibilita di reinfezione dell'organo. La strategia di profilassi attualmente

raccomandata consiste nell'utilizzo dell'analogo nucleosidico o nucleotidico associato a HBIG con diversi schemi posologici, che variano a seconda del Centro e delle caratteristiche virologiche pretrapianto del paziente [45—47].

Un recente studio ha confermato l'efficacia della profilassi combinata con immunoglobuline a basse dosi (400-800 UI/mese) associate a lamivudina, con un tasso di recidiva a 5 anni del 4% [48]. Poiche il costo della profilassi con HBIG a tempo indefinito e estremamente elevato, sono in fase di valutazione schemi di trattamento che prevedano un periodo di terapia combinata e successiva sospensione delle HBIG mantenendo il trattamento con gli analoghi, soprattutto in pazienti a basso rischio di recidiva (assenza di viremia rile-vabile al trapianto). Studi prospettici con un adeguato follow-up sono necessari per valutare il candidato ideale, il timing ottimale della sospensione e la sicurezza di questa nuova strategia terapeutica.

Recidiva di epatocarcinoma

Il trapianto per HCC e un'indicazione concordemente accet-tata per quei pazienti che rientrino, per dimensione e numero dei noduli, all'interno di criteri stabiliti. Attual-mente, i piu accettati sulla base delle casistiche pubblicate [49,50] sono:

• i ''criteri di Milano'': singolo nodulo di diametro < 5 cm o non piu di 3 noduli ciascuno di dimensioni < 3 cm;

• i ''criteri di S. Francisco'': singolo nodulo < 6,5 cm o non piu di 3 noduli di dimensioni < 4,5 cm o la cui somma sia < 8 cm.

In alcuni Centri sono attivi protocolli di downstaging con terapie locoregionali (termoablazione percutanea, alcoliz-zazione, chemioembolizzazione) per ampliare l'indicazione al trapianto ai pazienti con tumori che non soddisfano i criteri attualmente accettati [51].

Il rischio di recidiva nei pazienti che rientrano nei criteri di Milano e S. Francisco e variabile fra il 4 e il 10%, con risultati in termini di sopravvivenza comparabili al trapianto per altre indicazioni. Nei pazienti sottoposti a trapianto per HCC si raccomanda di procedere a un follow-up con periodici con-trolli ecografici e tomografici allo scopo di evidenziare pre-cocemente le recidive che possono essere suscettibili di resezione o termoablazione percutanea.

L'utilizzo sempre piu frequente, nella terapia immunosoppressiva di questi pazienti, degli inibitori mTOR potrebbe portare, in futuro, a un ulteriore miglioramento dei risultati e all'ulteriore estensione dei criteri di inserimento [52].

Recidiva di colangite sclerosante primitiva

La colangite sclerosante primitiva rappresenta il 5% delle indicazioni al trapianto di fegato, con sopravvivenza a 5 anni che nella maggior parte degli studi supera l'80%.

Si tratta di una malattia colestatica cronica caratterizzata da infiammazione dei dotti biliari intra e/o extraepatici, con progressiva obliterazione e stenosi degli stessi e possibile evoluzione in cirrosi biliare secondaria e insufficienza epatica terminale.

L'indicazione al trapianto e correlata alla comparsa di segni di scompenso della malattia epatica, ittero o stenosi biliari con colangiti ricorrenti.

Tabella 3 Vaccinazioni raccomandate nei pazienti trapiantati di fegato adulti.

Vaccino Tipo di vaccino Raccomandato dopo trapianto Frequenza

Influenza I / VA Si / No Annuale

HBV I Si Ricombinante 40 mg 0, 1,2,6 mesi

HAV I Si in caso di viaggi in aree endemiche 0-2 mesi

Pneumococco I Si Ogni 2-5 anni

Tetano I Si Richiamo ogni 5 anni

Varicella VA No

Rosolia VA No

Febbre gialla VA No

Legenda: I = inattivato; VA = vivo attenuato.

La frequenza della recidiva è molto variabile nei diversi studi (fral'1 e il 33%); laragionedi tale variabilita e legata al fatto che molti aspetti clinici, istologici e radiologici della recidiva sono sovrapponibili ad altre cause di disfunzione dell'organo, in particolare le stenosi biliari su base ischemica o i danni correlati allo sviluppo di rigetto cronico [53].

La recidiva di malattia eè caratterizzata dalla comparsa di stenosi con aspetti a corona di rosario delle vie biliari intrae-patiche e, all'istologia, da edema portale, pericolangiti con proliferazione neoduttulare in assenza di franca duttopenia, infiltrato infiammatorio periportale con neutrofili.

I fattori di rischio associati alla ricorrenza sono molteplici; fra questi, il mismatch di genere donatore-ricevente e il rigetto steroido-resistente. Pertanto, in tali pazienti è di cruciale importanza mantenere un livello di immunosoppres-sione adeguato soprattutto qualora abbiano presentato nei primi mesi episodi ricorrenti di rigetto acuto [54].

Nonostante manchino dati sull'efficacia dell'acido ursode-sossicolico nel ridurre il rischio di recidiva, presso molti Centri si consiglia di mantenere il farmaco a dosaggi > 20 mg/kg die.

Recidiva di cirrosi biliare primitiva

La cirrosi biliare primitiva é una malattia colestatica crónica evolutiva caratterizzata dalla distruzione dei dotti biliari interlobulari e settali, con conseguente fibrosi e progressiva insufficienza epatica. Attualmente, circa il 10% dei trapianti e eseguito in pazienti con cirrosi biliare primitiva.

La recidiva pué essere osservata sin dal primo mese post-trapianto e a 10 anni circa un terzo dei pazienti presenta segni istologici di recidiva; dai dati finora disponibili non si evidenzia un impatto negativo della recidiva sulla sopravvi-venza a lungo termine [55,56].

La recidiva si caratterizza per l'aumento degli indici di colestasi (fosfatasi alcalina e gamma-GT) e, all'esame isto-logico, per la presenza delle lesioni tipiche della malattia quali colangite con infiltrato linfoplasmacellulare peribiliare, granulomi e proliferazione neoduttulare, oltre che per la presenza nel siero di anticorpi antimitocondriali (AMA) a titolo variabile.

I dati finora pubblicati non sono conclusivi per quanto riguarda i fattori di rischio di ricorrenza di malattia, ma recenti lavori sembrano evidenziare che l'immunosoppres-sione con ciclosporina riduca il rischio di recidiva, cosí come il

mantenimento degli steroidi nel trattamento immunosop-pressivo a lungo termine [57].

La terapia con acido ursodesossicolico si associa a un miglioramento degli indici di citolisi, ma mancano dati conclusivi sull'efficacia del farmaco nel prevenire o rallentare la progressione istologica della recidiva [58].

Vaccinazioni

I pazienti candidati a trapianto di fegato, quando possibile, dovrebbero ricevere la vaccinazione contro i virus dell'epa-tite A e B, in quanto questi vaccini si sono rivelati sicuri ed efficaci; gli studi di immunogenicità e di efficacia dei vaccini contro lo pneumococco e il virus influenzale sono limitati, ma la vaccinazione àe comunque raccomandata in relazione all'aumentata mortalità per infezioni da questi patogeni nei pazienti cirrotici [59—62].

I vaccini inattivati sono generalmente sicuri dopo il tra-pianto di organi solidi; gli studi finora condotti non hanno rilevato una relazione fra episodi di rigetto e vaccinazioni, anche se solitamente si raccomanda di non vaccinare i pazienti nei primi 6 mesi post-trapianto.

Dopo il trapianto, in ragione dell'immunosoppressione, à da evitare in genere l'assunzione di vaccini vivi attenuati (per esempio, vaccino per la varicella o per Herpes zoster) [63,64].

I familiari dovrebbero ricevere il vaccino antinfluenzale ogni anno; in generale, anche per i membri della famiglia sono consigliate vaccinazioni con virus inattivi.

La tabella 3 riassume le principali indicazioni per le vaccinazioni dopo trapianto.

Conflitto di interesse

Gli autori dichiarano di essere esenti da conflitto di interessi. Bibliografía

[1] Moreno R, Berenguer M. Post-liver transplantation medical complications. Ann Hepatol 2006;5(2):77—85.

[2] Rosen HR. Transplantation immunology: what the clinician needs to know for immunotherapy. Gastroenterology 2008; 134(6):1789—801.

[3] Meier-KriescheHU, Li S, GruessnerRW, FungJJ, Bustami RT, Barr ML, et al. Immunosuppression: evolution in practice and trends, 1994-2004. Am J Transplant 2006;6(5 Pt 2):1111—31.

[4] Raimondo ML, Burroughs AK. Single-agent immunosuppression after liver transplantation: what is possible? Drugs 2002;62(11): 1587—97.

[5] Johnston SD, Morris JK, Cramb R, Gunson BK, Neuberger J. Cardiovascular morbidity and mortality after orthotopic liver transplantation. Transplantation 2002;73(6):901—6.

[6] Westbrook RH, Yeoman AD, Agarwal K, et al. An evaluation of mortality in adults and children who have survived in excess of 5 and 10 years since liver transplantation [abstract]. Liver Transpl 2009;15(suppl 7):S101.

[7] Stegall MD, Everson G, Schroter G, Bilir B, Karrer F, Kam I. Metabolic complications after liver transplantation. Diabetes, hypercholesterolemia, hypertension, and obesity. Transplantation 1995;60(9):1057—60.

[8] GuckelbergerO, Byram A, Klupp J, Neumann UP, Glanemann M, Stockmann M, et al. Coronary event rates in liver transplant recipients reflect the increased prevalence of cardiovascular risk-factors. Transpl Int 2005;18(8):967—74.

[9] Mells G, Neuberger J. Reducing the risks of cardiovascular disease in liver allograft recipients. Transplantation 2007; 83(9):1141 —50.

[10] Mells G, Neuberger J. Long-term care of the liver allograft recipient. Semin Liver Dis 2009;29(1):102—20.

[11] Galioto A, Semplicini A, Zanus G, FasolatoS, Sticca A, Boccagni P, et al. Nifedipine versus carvedilol in the treatment of de novo arterial hypertension after liver transplantation: results of a controlled clinical trial. Liver Transpl 2008; 14(7):1020—8.

[12] Heisel O, Heisel R, Balshaw R, Keown P. New onset diabetes mellitus in patients receiving calcineurin inhibitors: a systematic review and meta-analysis. Am J Transplant 2004;4(4): 583—95.

[13] Moon JI, Barbeito R, Faradji RN, Gaynor JJ, Tzakis AG. Negative impact of new-onset diabetes mellitus on patient and graft survival after liver transplantation: Long-term follow up. Transplantation 2006;82(12):1625—8.

[14] Wilkinson A, Davidson J, Dotta F, Home PD, Keown P, Kiberd B, et al. Guidelines for the treatment and management of new-onset diabetes after transplantation. Clin Transplant 2005; 19(3):291—8.

[15] Mannon RB. Therapeutic management of posttransplant diabetes mellitus. Transplant Rev (Orlando) 2008;22(2):116— 24.

[16] Backman JT, Kajosaari LI, Niemi M, Neuvonen PJ. Cyclosporine A increases plasma concentrations and effects of repaglinide. Am J Transplant 2006;6(9):2221—2.

[17] Charlton M. Obesity, hyperlipidemia, and metabolic syndrome. Liver Transpl 2009;15(Suppl 2):S83—9.

[18] Toso C, Meeberg GA, Bigam DL, Oberholzer J, Shapiro AM, Gutfreund K, et al. De novo sirolimus-based immunosuppression after liver transplantation for hepatocellular carcinoma: long-term outcomes and side effects. Transplantation 2007; 83(9):1162—8.

[19] Manzarbeitia C, Reich DJ, Rothstein KD, Braitman LE, Levin S, Munoz SJ. Tacrolimus conversion improves hyperlipidemic states in stable liver transplant recipients. Liver Transpl 2001; 7(2):93—9.

[20] Gazi IF, Liberopoulos EN, Athyros VG, Elisaf M, Mikhailidis DP. Statins and solid organ transplantation. Curr Pharm Des 2006; 12(36):4771—83.

[21] Imagawa DK, Dawson 3rd S, Holt CD, Kirk PS, Kaldas FM, Shakcleton CR, et al. Hyperlipidemia after liver transplantation: natural history and treatment with the hydroxy-methyl-glutaryl-coenzyme A reductase inhibitor pravastatin. Transplantation 1996;62(7):934—42.

[22] Zachoval R, Gerbes AL, Schwandt P, Parhofer KG. Short-term effects of statin therapy in patients with hyperlipoproteinemia after liver transplantation: results of a randomized cross-over trial. J Hepatol 2001;35(1):86—91.

[23] Almutairi F, Peterson TC, Molinari M, Walsh MJ, Alwayn I, Peltekian KM. Safety and effectiveness of ezetimibe in liver transplant recipients with hypercholesterolemia. Liver Transpl 2009;15(5):504—8.

[24] Neal DA, Gimson AE, Gibbs P, Alexander GJ. Beneficial effects of converting liver transplant recipients from cyclosporine to tacrolimus on blood pressure, serum lipids, and weight. Liver Transpl 2001;7(6):533—9.

[25] Ojo AO, Held PJ, Port FK, Wolfe RA, Leichtman AB, Young EW, et al. Chronic renal failure after transplantation of a nonrenal organ. N Engl J Med 2003;349(10):931—40.

[26] Wiesner RH. A long-term comparison of tacrolimus (FK506) versus cyclosporine in liver transplantation: a report of the United States FK506 Study Group. Transplantation 1998;66(4):493—9.

[27] Schlitt HJ, Barkmann A, Böker KH, Schmidt HH, Emmanouilidis N, Rosenau J, et al. Replacement of calcineurin inhibitors with mycophenolate mofetil in liver-transplant patients with renal dysfunction: a randomised controlled study. Lancet 2001; 357(9256):587—91.

[28] Stewart SF, Hudson M, Talbot D, Manas D, Day CP. Mycophenolate mofetil monotherapy in liver transplantation. Lancet 2001;357(9256):609—10.

[29] NairS, Eason J, LossG. Sirolimus monotherapy in nephrotoxicity due to calcineurin inhibitors in liver transplant recipients. Liver Transpl 2003;9(2):126—9.

[30] Cotterell AH, Fisher RA, King AL, Gehr TW, Dawson S, Sterling RK, et al. Calcineurin inhibitor-induced chronic nephrotoxicity in liver transplant patients is reversible using rapamycin as the primary immunosuppressive agent. Clin Transplant 2002; 16(Suppl 7):49—51.

[31] De Simone P, Metselaar HJ, Fischer L, Dumortier J, Boudjema K, Hardwigsen J, et al. Conversion from a calcineurin inhibitor to everolimus therapy in maintenance liver transplant recipients: a prospective, randomized, multicenter trial. Liver Transpl 2009;15(10):1262—9.

[32] Seifeldin RA, Marcos-Alvarez A, Gordon FD, Lewis WD, Jenkins RL. Nifedipine interaction with tacrolimus in liver transplant recipients. Ann Pharmacother 1997;31(5):571—5.

[33] Ninkovic M, Skingle SJ, Bearcroft PW, Bishop N, Alexander GJ, Compston JE. Incidence of vertebral fractures in the first three months after orthotopic liver transplantation. Eur J Gastro-enterol Hepatol 2000;12(8):931—5.

[34] Stein E, Ebeling P, Shane E. Post-transplantation osteoporosis. Endocrinol Metab Clin North Am 2007;36(4):937—63.

[35] Pruthi J, Medkiff KA, Esrason KT, Donovan JA, Yoshida EM, Erb SR, et al. Analysis of causes of death in liver transplant recipients who survived more than 3 years. Liver Transpl 2001; 7(9):811—5.

[36] Galve ML, Cuervas-Mons V, Figueras J, Herrero I, Mata M, Clemente G, et al. Incidence and outcome of de novo malignancies after liver transplantation. Transplant Proc 1999;31(1—2): 1275—7.

[37] Herrero JI, Lorenzo M, Quiroga J, Sangro B, Pardo F, Rotellar F, et al. De Novo neoplasia after liver transplantation: an analysis of risk factors and influence on survival. Liver Transpl 2005; 11(1):89—97.

[38] Haagsma EB, Hagens VE, Schaapveld M, van de Berg AP, de Vries EG, Klompmaker IJ, et al. Increased cancer risk after liver transplantation: a population-based study. J Hepatol 2001; 34(1):84—91.

[39] Berenguer M. Natural history of recurrent hepatitis C. Liver Transpl 2002;8(10 Suppl 1):S14—8.

[40] Samuel D, Forns X, Berenguer M, Trautwein C, Burroughs A, Rizzetto M, et al. Report of the monothematic EASL conference

on liver transplantation for viral hepatitis (Paris, France, January 12-14, 2006). J Hepatol 2006;45(1):127—43.

[41] Gane E. The natural history and outcome of liver transplantation in hepatitis C virus-infected recipients. Liver Transpl 2003;9(11):S28—34.

[42] Berenguer M, Prieto M, Rayón JM, Mora J, Pastor M, Ortiz V, et al. Natural history of clinically compensated hepatitis C virus-related graft cirrhosis after liver transplantation. Hepatology 2000;32(4 Pt 1):852—8.

[43] Charlton M. Recurrence of hepatitis C infection: Where are we now? Liver Transpl 2005;11(Suppl 2):S57—62.

[44] Berenguer M, Palau A, Aguilera V, Rayón JM, Juan FS, Prieto M. Clinical benefits of antiviral therapy in patients with recurrent hepatitis C following liver transplantation. Am J Transplant 2008;8(3):679—87.

[45] Terrault N, Roche B, Samuel D. Management of the hepatitis B virus in the liver transplantation setting: a European and an American perspective. Liver Transpl 2005;11(7):716—32.

[46] Roche B, Samuel D. Treatment of hepatitis B and C after liver transplantation. Part 1, hepatitis B. Transpl Int 2005;17(12): 746—58.

[47] Marzano A. The prevention of viral recurrence in the long term. Dig Liver Dis 2009;41(Suppl 2):S195—7.

[48] Gane EJ, Angus PW, StrasserS, Crawford DH, Ring J, Jeffrey GP, et al., Australasian Liver Transplant Study Group. Lamivudine plus low-dose hepatitis B immunoglobulin to prevent recurrent hepatitis B following liver transplantation. Gastroenterology 2007;132(3):931—7.

[49] Mazzaferro V, Regalia E, Doci R, Andreola S, Pulvirenti A, Bozzetti F, et al. Liver transplantation for the treatment of small hepatocellular carcinomas in patients with cirrhosis. N Engl J Med 1996;334(11):693—9.

[50] Yao FY, Ferrell L, Bass NM, Bacchetti P, Ascher NL, Roberts JP. Liver transplantation for hepatocellular carcinoma: comparison of the proposed UCSF criteria with the Milan criteria and the Pittsburgh modified TNM criteria. Liver Transpl 2002;8(9): 765—74.

[51 ] Ravaioli M, Grazi GL, Piscaglia F, Trevisani F, Cescon M, Ercolani G, et al. Liver transplantation for hepatocellular carcinoma: results of down-staging in patients initially outside the Milan selection criteria. Am J Transplant 2008;8(12):2547—57.

[52] Andrassy J, Graeb C, Rentsch M, Jauch KW, Guba M. mTOR inhibition and its effect on cancer in transplantation. Transplantation 2005;80(1 Suppl):S171—4.

[53] Demetris AJ. Distinguishing between recurrent primary sclerosing cholangitis and chronic rejection. Liver Transpl 2006;12(11 Suppl 2):S68—72.

[54] Cholongitas E, Shusang V, Papatheodoridis GV, Marelli L, Manousu P, Rolando N, et al. Risk factors for recurrence of primary sclerosing cholangitis after liver transplantation. Liver Transpl 2008;14(2):138—43.

[55] Neuberger J. Recurrent primary biliary cirrhosis. Liver Transpl 2003;9(6):539—46.

[56] Neuberger J, Portmann B, Macdougall BR, Calne RY, Williams R. Recurrence of primary biliary cirrhosis after liver transplantation. N Engl J Med 1982;306(1):1—4.

[57] Montano-Loza AJ, Wasilenko S, Bintner J, Mason AL. Cyclospo-rine A protects against primary biliary cirrhosis recurrence after liver transplantation. Am J Transplant 2010;10(4):852—8.

[58] Charatcharoenwitthaya P, Pimentel S, Talwalkar JA, Enders FT, Lindor KD, Krom RA, et al. Long-term survival and impact of ursodeoxycholic acid treatment for recurrent primary biliary cirrhosis after liver transplantation. Liver Transpl 2007;13(9): 1236—45.

[59] Arguedas MR, McGuire BM, Fallon MB. Implementation of vaccination in patients with cirrhosis. Dig Dis Sci 2002;47(2):384—7.

[60] Keeffe EB, Iwarson S, McMahon BJ, Lindsay KL, Koff RS, Manns M, etal. Safety and immunogenicity of hepatitis Avaccinein patients with chronic liver disease. Hepatology 1998;27(3):881—6.

[61] Lee SD, Chan CY, Yu MI, Lu RH, Chang FY, Lo KJ. Hepatitis B vaccination in patients with chronic hepatitis C. J Med Virol 1999;59(4):463—8.

[62] Pirovino M, Lydick E, Grob PJ, Arrenbrecht S, Altorfer J, Schmid M. Pneumococcal vaccination: the response of patients with alcoholic liver cirrhosis. Hepatology 1984;4(5):946—9.

[63] Duchini A, Goss JA, Karpen S, Pockros PJ. Vaccinations for adult solid-organ transplant recipients: current recommendations and protocols. Clin Microbiol Rev 2003;16(3):357—64.

[64] Danzinger-Isakov L, Kumar D, AST Infectious Diseases Community of Practice. Guidelines for vaccination of solid organ transplant candidates and recipients. Am J Transplant 2009;9(Suppl 4):S258—62.