Scholarly article on topic 'Ipotermia accidentale nell’anziano'

Ipotermia accidentale nell’anziano Academic research paper on "Agriculture, forestry, and fisheries"

0
0
Share paper
Academic journal
Italian Journal of Medicine
OECD Field of science
Keywords
{""}

Academic research paper on topic "Ipotermia accidentale nell’anziano"

Italian Journal of Medicine (2012) 6, 47—51

Disponibile online all'indirizzo www.sciencedirect.com

SciVerse ScienceDirect

journal homepage: www.elsevier.com/locate/itjm

CASO CLINICO

Ipotermia accidentale nell'anziano

Hypotermia in the elderly

Gianpaolo Bragagni, Anna Alberti, Giuliano Castelli, Federico Lari

UO Medicina Interna (Direttore: Dott. Gianpaolo Bragagni), Dipartimento Medico Azienda USL di Bologna, Ospedale di San Giovanni in Persiceto

Ricevuto il 21 agosto 2010; accettato il 4 gennaio 2011 disponibile online il 26 febbraio 2011

KEYWORDS

Hypothermia;

Elderly.

Summary

Introduction: An 88-year-old woman suffered a cerebrovascular accident and was found on the floor of her cold house.

Materials and methods: At the time of admission to our division, the patient was unresponsive with a rectal temperature of 28 °C, blood pressure of 120/80 mmHg, and a heart rate of 40 bpm. The cerebral CT revealed a hypodense lesion in the temporal region. The ECG showed sinus bradycardia, prolonged PR and QTc intervals, and a classic "J" (Osborn) wave that was most pronounced in the lateral and inferior leads. The patient presented a low respiratory rate, hypoventilation, severe acidosis (both respiratory and metabolic), hyperkalemia, elevated liver enzymes, mild anemia, hyporeflexia, and sluggish pupil responses.

Results: During rewarming with thermic blanket and heated intravenous fluids, the respiratory condition improved, and the ECG alterations disappeared. Twenty-four hours later, however, the patient died suddenly due to cardiac asystole.

Discussion: This report analyses the effects of hypothermia and its clinical manifestations and provides a brief discussion of the electrophysiologic mechanisms underlying Osborn waves and the other electrocardiographic changes associated with hypothermia. © 2011 Elsevier Srl. All rights reserved.

Introduzione

L'ipotermia accidentale è definita come temperatura corporea inferiore a 35 °C dovuta a prolungata esposizione al freddo. Viene classificata in lieve (35-32 °C), moderata

(28-32 °C) e severa (< 28 °C) [1]. A maggior rischio sono gli anziani, a causa della compromessa capacità termoregola-trice correlata all'età: in particolare, e alterata la possibilita di generare calore a seguito di riduzione della massa magra, ridotta mobilitàa, dieta inadeguata, riduzione del brivido

* Corrispondenza: UO Medicina Interna, Dipartimento Medico Azienda USL di Bologna, Ospedale di San Giovanni in Persiceto, via Enzo Palma 1 - 40017 San Giovanni in Persiceto (BO). E-mail: larifede@yahoo.it (F. Lari).

1877-9344/$ — see front matter © 2011 Elsevier Srl. Tutti i diritti riservati. doi:10.1016/j.itjm.2011.01.001

indotto dal freddo e ridotta risposta vasocostrittrice [2]. Inoltre svariate condizioni patologiche — tra cui malattie cerebrovascolari, neoplasie del sistema nervoso centrale, morbo di Parkinson, uremia, sepsi, scompenso cardiaco, ipotiroidismo, ipopituitarismo, insufficienza surrenalica, alcolismo, diabete mellito e ipoglicemia — possono ridurre l'efficacia della termoregolazione [3]. Diversi farmaci (bar-biturici, oppiacei, antidepressivi triciclici, benzodiazepine, fenotiazine, alfa-bloccanti, clonidina, litio) possono causare deficit della termoregolazione centrale e interferire con la vasocostrizione periferica [4]. Negli Stati Uniti l'ipotermia accidentale è stimata come causa di oltre 700 decessi l'anno [5].

Il trattamento dell'ipotermia deve essere tempestivo e aggressivo. In caso di arresto cardiorespiratorio le manovre rianimatorie seguono algoritmi specifici per l'ipotermia: ricordiamo il banale assioma, sempre valido, che il paziente in ipotermia non è mai morto se non e ''caldo e morto''! Essenziali sono il monitoraggio elettrocardiografico, il posi-zionamento di una via venosa periferica e di catetere vesci-cale, il prelievo venoso per esami ematochimici e arterioso per emogasanalisi, la somministrazione di ossigeno a elevate concentrazioni. è preferibile non mobilizzare eccessiva-mente il paziente per non esporlo a rischi di raffreddamento secondario (afterdrop): la vasocostrizione periferica, infatti, crea notevoli differenze termiche tra gli organi centrali e la cute/tessuto adiposo, pertanto una movimen-tazione eccessiva o brusca del paziente potrebbe dirottare dalla periferia agli organi centrali importanti quantité di fluidi a basse temperature e basso pH, con elevato rischio di aritmie fatali. Il riscaldamento deve essere attuato in maniera non troppo rapida (circa 1 °C/h) secondo due modalita: in modo passivo (sfruttando la produzione endogena di calore che si ottiene tramite un corretto isolamento termico, il reintegro volemico e dei substrati metabolici) e in

modo attivo (tramite trasferimento di calore da altre fonti per conduzione, convezione e irraggiamento). In quest'ul-timo caso si possono adottare diverse strategie, tra cui l'infusione di soluzioni saline riscaldate (a 40 °C), l'utilizzo di coperte e tende riscaldate, l'applicazione al tronco di sacche riscaldate o a riscaldamento autonomo (chimiche), l'irradiazione con fonti di luce calda, il riscaldamento delle miscele di gas inspirate (a 38 °C). Per i casi piu gravi sono possibili anche tecniche di riscaldamento attivo invasive, decisamente piu difficili da realizzare e riservate ai centri con maggiore esperienza in materia, che consistono nel lavaggio delle cavita corporee con soluzioni riscaldate (sto-maco, vescica, colon, peritoneo, torace) e nel riscaldamento del sangue mediante emofiltrazione o by-pass cardiopolmonare.

Gli autori dichiarano che lo studio presentato e stato realizzato in accordo con gli standard etici stabiliti nella Dichiarazione di Helsinki, e che il consenso informato e stato ottenuto da tutti i partecipanti prima del loro arruolamento allo studio.

Caso clínico

Paziente di sesso femminile, di 88 anni, residente in un casolare agricolo precariamente riscaldato, con precedente limitata autonomia motoria (deambulazione con bastone). Nessun pregresso ricovero ospedaliero (la paziente ha sempre evitato i controlli medico-sanitari). Viene trovata a terra nella sua camera, al mattino, dai congiunti, afasica e inca-pace di muoversi. Al momento del ricovero presenta stato confusionale, afasia, cute pallida e fredda, temperatura corporea 28 °C, pressione arteriosa 120/80 mmHg, toni car-diaci bradicardici (40 bpm), bradipnea, pupille iporeagenti, ROT torpidi con ipotonia dei quattro arti.

Figura 1 Elettrocardiogramma della paziente in ipotermia: e apprezzabile l'onda "J" di Osborn dopo il complesso QRS, più evidente in sede laterale e inferiore.

Gli esami di laboratorio evidenziano lieve anemia normo-citica (emoglobina 10,6; ematocrito 38%), proteina C-reat-tiva elevata (11,7), iperkaliemia (6,0 mEq), incremento di GOT (222 mU) e GPT (195 mU); nella norma i restanti parametri epatici, creatinina, protidemia totale e frazionata. Lieve chetonuria all'esame delle urine. All'emogasanalisi: pH 7,17; pO2 56; pCO2 92; HCO3 28,5; BE 5,0. All'elettrocardio-gramma: bradicardia sinusale (40 bpm); PR 0,20 s; QT 612 ms (QTc 512 ms); onda "J" che appare come "gobba" terminale delQRS, piU evidente in sede laterale e inferiore (fig. í). LaTC cerebrale svela sfumata ipodensita in sede temporale sinistra riferibile a lesione ischemica recente in un quadro di encefalopatia vascolare cronica.

In reparto la paziente viene progressivamente riscaldata con coperte termiche e infusione di soluzione fisiologica a 40 °C. Nell'arco di alcune ore la temperatura risale gradualmente, la paziente appare piu vigile e in contatto con l'ambiente, risulta eupnoica con soddisfacente saturazione di O2 e scomparsa dell'acidosi; la frequenza cardiaca aumenta fino a 80 bpm. All'elettrocardiogramma si risconta la completa regressione dell'onda "J" di Osborn (fig. 2). Prosegue l'infusione di liquidi riscaldati, antibiotici ad ampio spettro ed eparina a basso peso molecolare. Dopo 24 ore dal ricovero la paziente decede per morte improvvisa da arresto cardiorespiratorio con asistolia.

Discussione

Le conseguenze dell'ipotermia accidentale sono sistemiche e molteplici, con graduale e progressivo interessamento di tutti i settori dell'organismo in relazione al grado di

temperatura corporea, alla durata dell'esposizione e alle condizioni preesistenti.

Effetti cardiovascolari

L'esposizione a basse temperature causa inizialmente un'at-tivazione adrenergica con tachicardia, vasocostrizione e innalzamento della pressione arteriosa ma, successiva-mente, con il progredire dell'ipotermia, si verifica una bra-dicardia dovuta a depressione della depolarizzazione spontanea delle cellule segnapassi, refrattaria all'atropina, concomitante a un persistente aumento delle resistenze da attivazione autonomica e del rilascio di catecolamine. Alla temperatura corporea di 28 °C la frequenza cardiaca generalmente è compresa fra 30 e 40 bpm, mentre a 24 °C esiste un elevato rischio di asistolia [6]. All'elettrocardiogramma compare l'onda ''J'' di Osborn, che ha l'aspetto di un'onda terminale nel QRS in genere piu evidente nelle derivazioni inferiori e laterali sinistre [7]. L'onda ''J'' non è esclusiva dell'ipotermia, ma puo comparire anche in corso di emorra-gia subaracnoidea, ictus, sepsi, ipercalcemia e ischemia miocardica [6]. Il QRS tende a slargarsi per un ritardo di conduzione intraventricolare con sopraslivellamento del tratti ST e talora inversione delle T. La sistole è prolungata e il PR puo allungarsi con blocchi atrio-ventricolari di I, II o III grado. Il QT è allungato e tale aspetto puè protrarsi per giorni dopo il recupero della normale temperatura corporea. Un'asistolia puè intervenire, come nel caso riportato, anche a distanza di 72 ore dall'avvenuto riscaldamento. L'aumen-tata durata del potenziale d'azione e causata da un'inatti-vazione dei canali Ikr, I k1, ICa-l, mentre l'elettrogenesi dell'onda di Osborn e riconducibile alla comparsa, nelle

Figura 2 Elettrocardiogramma della paziente dopo riscaldamento: si osserva la scomparsa dell'onda ''J''.

cellule epicardiche ma non in quelle endocardiche, di una morfologia del potenziale d'azione a tipo ''spike and dome'' ove l'incisura e causata da un incremento relativo della corrente Ito, rispetto alla ICa-l, con accentuazione della fuo-riuscita di potassio durante la fase 1 [8]. A 30 °C l'onda di Osborn e presente nell'80% dei pazienti e la sua entité é proporzionale al grado di ipotermia [7,9].

Il gradiente termico fra strati superficiali e profondi del miocardio pué causare dispersione del potenziale d'azione e del periodo refrattario, allungati dall'ipotermia, che determina aumentata suscettibilité alle aritmie. In genere l'asi-stolia é una manifestazione diretta dell'ipotermia, mentre la fibrillazione ventricolare si verifica in seguito al riscalda-mento, a squilibri elettrolitici o a manipolazioni quali l'intu-bazione tracheale o il pacing. La fibrillazione ventricolare, in queste circostanze, e estremamente resistente ai tentativi di cardioversione elettrica e anche la lidocaina di solito é inefficace [10], mentre e segnalato che il bretilio e l'amio-darone possono risultare efficaci [11].

Effetti respiratori

L'ipotermia inizialmente determina ridotta produzione di CO2 per diminuita attivita metabolica, tachipnea, talora broncor-rea e broncospasmo ma, nelle forme severe, subentrano una riduzione della sensibilitéa alla pCO2 e depressione dei centri respiratori, come nella nostra paziente, con progressiva ipo-ventilazionefinoall'arresto respiratorio [4]. Si realizza acidosi sia respiratoria sia metabolica, dovuta all'ipossia tissutale, con aumentodell'acido lattico. Nell'interpretazionedei para-metri emogasanalitici occorre comunque tener conto delle variazioni di solubilita, dissociazione e affinita per l'emoglo-bina indotte dalla temperatura: per esempio, a valori di 37 °C si hanno pH 7,40, pO2 94 mmHg e pCO2 43 mmHg mentre a 30 °C pH 7,50, pO2 61 mmHg e pCO2 30,6 mmHg [12].

Effetti sul sistema nervoso

A livello del sistema nervoso centrale la bassa temperatura causa apatia e stato confusionale, come nel caso da noi osservato, e per temperature inferiori a 30 °C coma, ipore-flessia e iporeattivité pupillare seguita da midriasi [13]. Anche i nervi periferici sono interessati dall'ipotermia con riduzione progressiva della velocité di conduzione dovuta al ridotto flusso di potassio e cloro nelle membrane assonali [14]. A livello del sistema nervoso autonomo cié si traduce, tra l'altro, in una marcata ipotensione posturale [15].

Effetti sull'apparato muscolare

Il brivido, presente nelle prime fasi, scompare per gradi pié marcati di raffreddamento e intervengono rigidita muscolare e, successivamente, atonia muscolare. Nelle fasi estreme subentra rigidita diffusa simile al rigor mortis [6].

Alterazioni ematologiche

Le alterazioni ematologiche comprendono aumento della viscosita ematica, del fibrinogeno e dell'ematocrito, perdita di plasma per aumentata permeabilitéa vasale con emocon-centrazione e ipovolemia. L'ematocrito aumenta di circa il

2% per ogni grado di riduzione della temperatura corporea. L'ipotermia, inoltre, causa mieloinibizione e progressiva insufficienza midollare fino all'aplasia [16]. La bassa temperatura inibisce le reazioni enzimatiche della cascata coagu-lativa con progressivo allungamento di tempo di Quick e tempo di tromblopastina parziale (PTT). Peraltro, pur in presenza di coagulopatia conclamata, i test coagulativi possono risultare falsamente normali poiché effettuati in laboratorio a 37 °C [17]. Coagulazione intravascolare disseminata ée stata osservata in concomitanza del danno tissutale esteso con liberazione di fattore tissutale (tissue factor). L'eparina, in tali circostanze, causa polimerizzazione del criofibrino-geno e cié puo aggravare l'iperviscosita e il danno microcir-colatorio [18]. La riduzione di numero e di funzione dei leucociti pué predisporre alla sepsi.

Effetti renali e metabolici

In risposta al freddo, prima ancora del realizzarsi dell'ipotermia, si verifica un incremento della diuresi dovuto all'au-mentato flusso renale secondario a vasocostrizione e, successivamente, a una resistenza all'ormone antidiuretico e a un deficit della capacité di riassorbimento del sodio. Nelle fasi piéu avanzate il filtrato glomerulare diminuisce, paralle-lamente al calo della portata cardiaca, con riduzione anche della funzione tubulare, inclusa la capacité di secernere idrogenioni con conseguente acidosi. Una franca insuffi-cienza renale con rilievo istologico di lesioni ischemiche e necrosi tubulare eé presente in quasi la metaé dei casi di ipotermia [19,20]. Iperglicemia pué essere osservata sia a causa della ridotta funzionalité insulare sia come conseguenza dell'attivazione catecolaminica e corticosurrenalica [21,22]. Puo essere presente sia ipokaliemia, dovuta a uno shift intra-cellulare del potassio secondario all'alterata permeabilité delle membrane plasmatiche, sia iperkaliemia correlata all'a-cidosi e al danno cellulare, come rilevato nella nostra paziente [23,24]. Calcio, magnesio, cloro e sodio non modificano sensi-bilmente le loro concentrazioni plasmatiche, mentre sono riportati casi di severa ipofosfatemia correlati tanto all'ipo-termia quanto alla fase di riscaldamento [25,26].

Effetti sull'apparato gastroenterico

Si pué osservare uno stato di sofferenza epatica con incremento delle transaminasi, verosimilmente secondario alla bassa portata cardiaca, con ridotta clearance dell'acido lattico che peggiora l'acidosi. Anche le funzioni metaboliche epatiche sono compromesse [6]. É stata descritta pancreatite acuta in corso di ipotermia, talora con scarsa espressivité clinica [27], anche se l'effettivo nesso causale di tale asso-ciazione é stato posto in dubbio [28]. Pressoché costante e la ridotta motilité gastrointestinale fino all'ileo paralitico, con insufficiente assorbimento dei farmaci somministrati per os o per sonda nasogastrica. Le lesioni erosive gastriche sono frequenti ed é documentato che l'ipotermia aumenta la produzione della quota acida gastrica [29,30].

Conclusioni

Il caso riportato presenta diversi elementi paradigmatici dell'ipotermia accidentale: ne é colpita una paziente

anziana, verosimilmente in seguito a un episodio cerebrova-scolare acuto che ne ha compromesso la capacitè di muoversi e ripararsi dal freddo; sono presenti bradicardia sinusale con onda di Osborn all'elettrocardiogramma, segni neuro-logici classici (sopore, iporeattivita pupillare, iporeflessia), depressione respiratoria con acidosi, iperkaliemia, anemia. Dopo un modico miglioramento clinico correlato al progres-sivo riscaldamento, la paziente giunge all'exitus per arresto cardiorespiratorio verosimilmente secondario a un'asisto-lia, epilogo drammatico peraltro ampiamente descritto in letteratura.

Riteniamo che l'ipotermia accidentale, rara ma non eccezionale specie nell'anziano, meriti un'attenzione par-ticolare in relazione alle molteplici problematiche fisiopa-tologiche e cliniche che puè presentare: si richiede un approccio necessariamente ''olistico'' che deve trovare il giusto supporto terapeutico in ambiente internistico, quale miglior terreno per far fronte a situazioni di elevata com-plessitèa.

Conflitto di interessi

Gli autori dichiarano di essere esenti da conflitto di interessi.

Bibliografía

[1] Aslam AF, Aslam AK, Vasavada BC, Khan IA. Hypothermia: evaluation, electrocardiographic manifestations, and management. Am J Med 2006;119(4):297-301.

[2] Collins KJ, Dore C, Exton-Smith AN, Fox RH, MacDonald IC, Woodward PM. Accidental hypothermia and impaired temperature homoeostasis in the elderly. Br Med J 1977;1(6057): 353-6.

[3] Scott AR, MacDonald IA, Bennett T, Tattersall RB. Abnormal thermoregulation in diabetic autonomic neuropathy. Diabetes 1988;37(7):961—8.

[4] Wong KC. Physiology and pharmacology of hypothermia. West J Med 1983;138(2):227—32.

[5] Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Hypothermia-related deaths — United States, 2003-2004. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2005;54(7):173—5.

[6] Mallet ML. Pathophysiology of accidental hypothermia. QJM 2002;95(12):775—85.

[7] Vassallo SU, Delaney KA, Hoffman RS, Slater W, Goldfrank LR. A prospective evaluation of the electrocardiographic manifestations of hypothermia. Acad Emerg Med 1999;6(11):1121—6.

[8] Yan GX, Antzelevitch C. Cellular basis for the electrocardiographic J wave. Circulation 1996;93(2):372—9.

[9] Mustafa S, Shaikh N, Gowda RM, Khan IA. Electrocardiographic features of hypothermia. Cardiology 2005;103(3):118—9.

[10] Thomas R, Cahill CJ. Successful defibrillation in profound hypothermia (core body temperature 25.6 degrees C). Resuscitation 2000;47(3):317—20.

[11] WiraCR, Becker JU, Martin G, DonninoMW. Anti-arrhythmic and vasopressor medications for the treatment of ventricular fibrillation in severe hypothermia: a systematic review of the literature. Resuscitation 2008;78(1):21—9.

[12] Bisson J, Younker J. Correcting arterial blood gases for temperature (when) is it clinically significant? Nurs Crit Care 2006;11(5):232—8.

[13] Fischbeck KH, Simon RP. Neurological manifestations of accidental hypothermia. Ann Neurol 1981;10(4):384—7.

[14] Landowne D, Scruggs V. The temperature dependence of the movement of potassium and chloride ions associated with nerve impulses. J Physiol 1976;259(1):145—58.

[15] Katz B, Miledi R. The effect of temperature on the synaptic delay at the neuromuscular junction. J Physiol 1965;181(3): 656—70.

[16] Lo L, Singer ST, Vichinsky E. Pancytopenia induced by hypothermia. J Pediatr Hematol Oncol 2002;24(8):681—4.

[17] Rohrer MJ, Natale AM. Effect of hypothermia on the coagulation cascade. Crit Care Med 1992;20(10):1402—5.

[18] Maclean D. Emergency management of accidental hypothermia: a review. J R Soc Med 1986;79(9):528—31.

[19] McKean WI, Dixon SR, Gwynne JF, Irvine RO. Renal failure after accidental hypothermia. Br Med J 1970;1(5707):463—4.

[20] McCullough L, Arora S. Diagnosis and treatment of hypothermia. Am Fam Physician 2004;70(12):2325—32.

[21] Nicholas R, Pfeifer C. Failure of normal glycaemic regulation in a patient with severe hypothermia. Resuscitation 2006;68(1): 139—42.

[22] Felicetta JV, Green WL. Hypothermia and adrenocortical function. Ann Intern Med 1979;90(5):855.

[23] Koht A, Cane R, Cerullo LJ. Serum potassium levels during prolonged hypothermia. Intensive Care Med 1983;9(5):275—7.

[24] Schaller MD, Fischer AP, Perret CH. Hyperkalemia. A prognostic factor during acute severe hypothermia. JAMA 1990;264(14): 1842—5.

[25] Aibiki M, Kawaguchi S, Maekawa N. Reversible hypophosphate-mia during moderate hypothermia therapy for brain-injured patients. Crit Care Med 2001;29(9):1726—30.

[26] Levy LA. Severe hypophosphatemia as a complication of the treatment of hypothermia. Arch Intern Med 1980;140(1):128—9.

[27] Foulis AK. Morphological study of the relation between accidental hypothermia and acute pancreatitis. J Clin Pathol 1982;35(11):1244—8.

[28] Stiff RE, Morris-Stiff GJ, Torkington J. Hypothermia and acute pancreatitis: myth or reality? J R Soc Med 2003;96(5):228—9.

[29] Tsokos M, Rothschild MA, Madea B, Rie M, Sperhake JP. Histological and immunohistochemical study of Wischnewsky spots in fatal hypothermia. Am J Forensic Med Pathol 2006;27(1 ):70—4.

[30] Niida H, Takeuchi K, Ueshima K, Okabe S. Vagally mediated acid hypersecretion and lesion formation in anesthetized rat under hypothermic conditions. Dig Dis Sci 1991;36(4):441—8.