Scholarly article on topic 'La profilassi della tromboembolia venosa nei pazienti con malattia renale cronica'

La profilassi della tromboembolia venosa nei pazienti con malattia renale cronica Academic research paper on "Health sciences"

0
0
Share paper
Academic journal
Italian Journal of Medicine
OECD Field of science
Keywords
{""}

Academic research paper on topic "La profilassi della tromboembolia venosa nei pazienti con malattia renale cronica"

Italian Journal of Medicine (2010) 4, 269—276

ELSEVIER

disponibile su www.sciencedirect.com

ScienceDirect

journal homepage: www.elsevier.com/locate/itjm

FARMACOLOGIA CLINICA

La profilassi della tromboembolia venosa nei pazienti con malattia renale cronica

Prevention of venous thromboembolism in hospitalized patients with chronic kidney disease

Marcora Mandreoli, Antonio Santoro*

UO Nefrologia, Dialisi e Ipertensione, Policlinico "Sant'Orsola-Malpighi", Bologna

Ricevuto il 25 marzo 2010; accettato il 7 aprile 2010 disponibile online l' 1 luglio 2010

KEYWORDS

Chronic kidney disease; Low-molecular weight heparin;

Bioaccumulation; Unfractionated heparin; Bleeding.

Summary Despite the high morbidity and mortality associated with venous thromboembolism in hospitalized medical patients with a number of risk factors, and large evidence that prophylaxis is effective, prophylaxis rates remain elusive in medically ill patients. Furthermore, in patients with renal failure, prophylaxis often is omitted or sub-optimal, due to fear of provoking hemorrhage. Patients with end-stage renal disease often have platelet deficits. Low molecular weight heparin (LMWH) therapy may also be difficult to manage in these cases because LMWH clearance is largely dependent on the kidneys. Administration of LMWH to patients with some degree of renal failure may lead to bioaccumulation of anti-Xa activity with an increased risk of bleeding. In recent years, LMWH has largely replaced unfractionated heparin (UFH) for the treatment and prophylaxis of thromboembolic disease. LMWHs have been shown to be superior to UFH in the prevention of venous thromboembolism. They are also easier to administer and do not require laboratory monitoring. However, several case reports and a metaanalysis indicate that the use of LMWHs at therapeutic doses in patients with advanced renal failure can be associated with major bleeding with serious adverse effects. In this paper, we review recent evidence supporting the safety of LMWHs at prophylactic doses in patients with mild or moderate renal disease. Current evidence suggests that bioaccumulation of enoxaparin (the most widely used LMWH) can occur when the drug is used at standard therapeutic doses in patients with severely impaired renal function. This risk can be reduced by empiric dose reduction or monitoring of anti-Xa heparin levels. © 2010 Elsevier Srl. All rights reserved.

* Corrispondenza: via P. Palagi 9 - 40010 Bologna. E-mail: antonio.santoro@aosp.bo.it (A. Santoro).

1877-9344/$ — see front matter © 2010 Elsevier Srl. Tutti i diritti riservati. doi:10.1016/j.itjm.2010.05.006

Acronimiutilizzatinel testo e glossario

ACCP: linee guida dell'American College of Chest Physicians.

aPTT: tempo di tromboplastina parziale.

anti-Xa: attivita antifattore X attivato.

BMI: indice di massa corporea, espresso in kg/m2.

CE: calze elastiche antitrombo.

CPI: compressione pneumatica intermittente.

EBPM: eparine a basso peso molecolare. Sono derivate con metodi chimici o enzimatici dall'eparina standard (non frazionata). Si ottengono in questo modo molecole di minori dimensioni (con pm da 3.000 a 9.000 D circa). Le EBPM hanno differenti proprieta biochimiche e farma-cologiche e non sono intercambiabili fra di loro.

ENF: eparina non frazionata. Composto eterogeneo di catene polisaccaridiche con pm compreso tra 3.000 a 30.000 D (media 15.000 D). L'attivita anticoagulante e variabile, perche solo un terzo circa delle molecole somministrate ha un'attivita anticoagulante e la clearance e influenzata anche dalla lunghezza delle catene.

EP: embolia polmonare.

HIT: piastrinopenia indotta da eparina (Heparin Induced Thrombocytopenia).

LAC: anticoagulante lupico.

MRC: malattia renale cronica.

pm: peso molecolare.

sc: via di somministrazione sottocutanea.

TAO: terapia anticoagulante orale.

TEV: tromboembolia venosa, definzione unica che comprende la TVP e l'EP.

TVP: Trombosi venosa profonda

VFG: velocitea di filtrazione glomerulare, espressa in mL/min.

Tabella 1 Fattori di rischio individúale per TVP.

• Trauma (trauma maggiore o fratture arti inferiori)

• Immobilità a letto > 3 giorni, paresi arti inferiori, gessi

• Neoplasia

• Terapia in corso per neoplasia (ormonale, chemioterapia, inibitori dell'angiogenesi, radioterapia) terapie ormonali

• Compressione venosa (tumori, ematoma, anomalia vascolare arteriosa)

• Pregressa patologia tromboembolica

• Eta: il rischio aumenta con l'aumentare dell'eta

• Gravidanza e periodo post-partum

• Contraccettivi orali (a base di estrogeni) e terapia ormonale sostitutivaa

• Modulatori selettivi del recettore degli estrogeni

• Uso di fattori stimolanti l'eritropoiesi (EPO, fattori di crescita)

• Patologie mediche acute in atto (infezioni/sepsi, insufficienza cardiaca, insufficienza respiratoria)

• Malattia infiammatoria cronica dell'intestino

• Sindrome nefrosica

• Malattie mieloproliferative

• Emoglobinuria parossistica notturna

• Obesità (BMI > 30 Kg/m2)

• Catetere venoso centrale

• Varici importantib

• Stroke ischemico

• Trombofilia congenita o acquisita gia notac

Fonte: modificata da Geerts WH, et al; Chest 2008;133(6 Suppl):

381S—453S.

a Il rischio si annulla dopo un mese dalla sospensione del trat-tamento con estrogeni o progesterone ad alte dosi.

b Il rischio si annulla utilizzando le calze a compressione pro-gressiva.

c Deficit di proteina C o S o antitrombina III, resistenza alla proteina C/fattore V di Leiden, mutazione della protrombina, disfibrinogenemia, LAC e sindrome da antifosfolipidi.

Introduzione

Una delle complicanze di maggior rilievo nei pazienti ospe-dalizzati e che comporta un aumento di mortalita e morbilita a breve e lungo termine è la comparsa di una TEV. Questa definizione comprende sia la TVP sia l'EP [1]. Negli Stati Uniti, in assenza di profilassi, l'incidenza di TVP varia dal 10 al 40% [2] e l'EP è causa del 10% delle morti sopravvenute in ospedale [1]. Un numero elevato di lavori condotti negli ultimi trent'anni ha dimostrato in modo inconfutabile che un'adeguata profilassi primaria è in grado di ridurre significativamente il numero di eventi trombotici e di embolie fatali [1]. Nonostante queste evidenze, mentre la profilassi nei pazienti a rischio, sottoposti a interventi di chirurgia, rappresenta una pratica clinica ormai consolidata, al contrario, nei pazienti ricoverati per motivi internistici, la percentuale di soggetti sottoposti a profilassi si riduce al 16-33% dei casi [3,4]. Per di piè, oltreaun sottoutilizzo della profilassi farmacologica di per se, spesso sia il dosaggio delle eparine sia la durata sono inadeguati: due fattori che con-tribuiscono a una maggiore incidenza di TEV nei pazienti internistici [1].

Le ACCP del 2004 [5] e del 2008 [2] hanno identificato alcune situazioni cliniche che aumentano il rischio trombotico nei pazienti ricoverati in area medico-internistica (tabella 1). Tutti i pazienti ricoverati con malattie respira-torie acute, o con scompenso cardiaco o malattie infiamma-torie o infettive in atto, e che, insieme a questa patologia di base, presentano uno dei fattori di rischio elencati in

tabella 1 andrebbero sottoposti a profilassi farmacologica, purché contemporaneamente non coesista un rischio di sanguinamente (tabella 2 e fig. 1).

I pazienti affetti da MRC, che sono circa il 10% dei soggetti ricoverati in area medica in un ospedale terziario [6], quando devono iniziare una profilassi per TEV, richiedono una parti-colare attenzione. In questi pazienti, infatti, soprattutto nelle fase di insufficienza renale grave, si riscontra una spiccata tendenza al sanguinamento per molteplici fattori [7]. In corso di MRC esiste una diatesi emorragica per alterata funzionalitè piastrinica nelle varie fasi di adesione, secre-zione e aggregazione; inoltre, nel plasma dei soggetti uremici si accumulano sostanze tossiche che interferiscono con i normali processi della coagulazione [7]; infine, questi malati spesso assumono antiaggreganti piastrinici per la coesistenza di patologie cardiovascolari. Oltre a tale tendenza intrinseca

Tabella 2 Controindicazioni assolute o relative alla profilassi farmacologica e all'uso di presidi compressivi meccanici.

Controindicazioni all'uso di eparine Controindicazioni all'uso di CE o CPI

• Presenza di coagulopatie o di piastrinopenia • Edema massivo delle gambe

(piastrine < 70.000 mm3)

• Politraumatismo grave, fino a che non vi siano • Insufficienza arteriosa grave degli arti inferiori

certezze di stabilita emodinamica

• Emorragia maggiore in atto (con particolare • Fratture ossee degli arti inferiori

attenzione all'emorragia cerebrale)

• Malattie emorragiche congenite • Gravi lesioni cutanee (valutare caso per caso)

• Neurochirurgia (nei primi giorni postintervento)

• Trombocitopenia/trombosi da eparina • Deformita estreme delle gambe

• Grave compromissione della coagulazione

• Trattamento antiaggregante in corso

• TAO

• Insufficienza epatica grave

• Allergia all'eparina

É presente una delle seguenti condizioni? • Malattia infiammatoria intestinale acuta ■ Malattia infettiva in atto • Malattia reumatologica acuta • Immobilizzazione parziale

Paziente a rischio di TEV • AUettamento No É presente uno dei seguenti fattori di rischio? ■ Etá > 75 anni « Neoplasia attiva • Storia di TVP, trobofilia congenita o acquisita • Obesitá

• Insufficienza respiratoria acuta in atto • Scompenso cardiaco Classi NYHA lll-IV

/!Si • Vene varicose • Terapia ormonale sostitutiva • Terapia con fattori stimolanti l'eritropoiesi • Síndrome mieloproliferativa • Síndrome nefrosica • Emoglobinuria parossistica notturna

Rivalutare nei corso del ricovero se le condizioni sono cambíate

Esistono controindicazioni assolute alla profilassi?

Profilassi meccanica, se non vi sono controindicazioni

Profilassi farmacológica con EBPM* o con ENF secondo il grado di rischio individúale e il VFG*

Una profilassi prolungata in pazienti con VFG < 30 mL/min necessita di monitoraggio dell'attività anti-Xa Per pazienti con VFG < 30 mL/min

o con Potenziale rischio di sançuinamento, preferire l'ENF

Figura 1 Processo decisionale relativo al paziente ricoverato per problemi internistici.

al sanguinamento, occorre tenere conto che l'eparina impie-gata in profilassi ha come via di eliminazione quella renale. Pertanto, in particolare con le EBPM, esiste il concreto pericolo di un bioaccumulo di attività anti-Xa, che espone i pazienti con MRC al rischio di sanguinamenti anche gravi [8].

Nei pazienti ospedalizzati, le linee guida recenti [2] rac-comandano di utilizzare le EBPM come farmaco di prima scelta nella profilassi della TEV. Le EBPM hanno infatti dimo-strato di avere, nel paziente con normofunzione renale, una superiore efficacia rispetto all'ENF [9], senza aumentare il rischio emorragico; hanno buona maneggevolezza e un effetto anticoagulante maggiormente preventivabile. Dopo iniezione sc le EBPM hanno una maggiore biodisponibilitaà (85% circa vs 15-40% dell'ENF) e una minore variabilità interindividuale [6]; inoltre, anche il rischio di indurre una HIT risulta ridotto [10]. Tuttavia, l'impiego delle EBPM nei pazienti con MRC richiede una certa cautela e la conoscenza della loro cinetica. La loro via di eliminazione eà prevalente-mente renale ed esistono segnalazioni di sanguinamenti maggiori, specie se le EBPM sono utilizzate al dosaggio terapeutico raccomandato nei pazienti senza deficit funzio-nale renale [11,12].

Farmacocinetica delle eparine (ENF e EBPM) e vie di eliminazione

Quando l'eparina non frazionata entra in circolo, si lega a un certo numero di proteine plasmatiche (vitronectina, fibro-nectina, lipoproteine, fibrinogeno, vWF), alle cellule endo-teliali e ai macrofagi (fig. 2). Attraverso il legame con i macrofagi, l'eparina viene internalizzata e poi depolimeriz-zata (fig. 2) [13]. Alle basse dosi, il legame con le proteine, che à diverso per ciascun individuo, riduce l'attività anticoagulante e contribuisce alla variabilitaà della risposta e alla diversa farmacocinetica [13]. La clearance dell'ENF passa attraverso la combinazione di due vie:

• un meccanismo rapido, saturabile, dipendente dal legame con il recettore delle cellule endoteliali e dei macrofagi (epatici);

• un meccanismo lento, non saturabile, prevalentemente renale [13,14].

Quando si impiegano basse dosi, l'ENF viene eliminata dal plasma dapprima in modo rapido attraverso il meccanismo cellulare (saturabile) e poi piu lentamente attraverso la clearance renale, dose-indipendente. Se si utilizzano alti dosaggi, l'eparina viene eliminata prevalentemente attraverso il meccanismo lento di clearance renale, non saturabile.

Le EBPM sono prodotte per degradazione chimica o enzimatica dall'ENF, ottenendo molecole con catena di diversa lunghezza e con pm di circa 3.000-9.000 D. Pre-sentano un legame ridotto con le proteine plasmatiche e una minore affinita per le cellule endoteliali e i macrofagi; l'emivita plasmatica, pertanto, risulta pià lunga rispetto all'ENF, mentre la minore affinita per le piastrine e per il fattore di von Willebrand si traduce in una minore incidenza di HIT [13]. A differenza dell'ENF, la clearance delle EBPM dipende quasi esclusivamente dal rene, dal momento che vengono a mancare la via non saturabile del legame proteico e quella retico-endoteliale [14]; l'effetto biologico delle EBPM, quindi, risulta prolungato nei pazienti con insufficienza renale, data la piu lenta eliminazione [13]. La clearance dell'attivita anti-Xa dell'EBPM à strettamente correlata ai valori di clearance della creatinina [8,15]. Studi di farmacocinetica hanno mostrato che vi sono diffe-renze nella clearance renale tra le singole preparazioni farmaceutiche di EBPM e che non esiste un singolo valore soglia di VFG, uguale per tutte le EBPM, che correli con l'aumento del rischio di sanguinamento [15,16]. Una metanalisi, che ha preso in considerazione studi clinici in cui varie EBPM venivano impiegate a dosaggio terapeutico regolare [12], ha mostrato che i fenomeni di bioaccumulo compaiono per le molecole a piu basso pm come

Figura 2 Caratteristiche farmacocinetiche dell'ENF.

l'enoxaparina, a valori di VFG < 30mL/min, con rischi di sanguinamento maggiore, mentre per altre EBPM con pm piU elevato, come la dalteparina e la tinzaparina l'aumento dell'attivita anti-Xa si verifica a fronte di valori inferiori di VFG (per la tinzaparina al di sotto di 20 mL/min) [12,16]. Se si fa riferimento alle dosi comunemente usate in profilassi, gli studi di farmacocinetica in pazienti con insufficienza renale hanno mostrato un profilo di sicurezza per la dalteparina anche dopo multiple somministrazioni [17—19].

Infine, quando si sceglie il tipo di eparina da sommini-strare, nel bilancio rischio/beneficio occorre ricordare che, in caso di sovradosaggio, l'ENF puo essere antagonizzata del tutto dal solfato di protamina, mentre utilizzando una EBPM, la protamina riesce ad antagonizzare solo un 60% circa dell'attivita anti-Xa [15].

Profilassi della TEV nel paziente con malattia renale cronica

Profilassi farmacologica

Vi sono diverse situazioni cliniche (allettamento, scompenso cardiaco, malattie respiratorie acute, sepsi, interventi chirurgici ecc.), in cui i pazienti ricoverati necessitano di profilassi per TEV. Individuati i pazienti che possono trarre beneficio dalla profilassi farmacologica, la scelta (dose e tipo di farmaco) deve tenere conto del grado di rischio individuale del paziente e del grado di insufficienza renale [2].

In linea generale, nelle fasi iniziali della MRC, quando il deficit funzionale renale é di grado lieve/moderato, l'approccio terapeutico (tipo di trattamento, dosaggio e durata) e simile a quello adottato nel paziente con funzione renale normale. Tuttavia, tenendo conto che nei pazienti con insufficienza renale esiste una tendenza al sanguinamento, a partire da valori di VFG < 60 mL/min (si fa riferimento a un VFG stimato con equazioni di calcolo: formula di Cockcroft-Gault o MDRD), qualunque sia il tipo di eparina impiegata, é opportuno monitorare pié strettamente il paziente sottopo-sto a profilassi per TEV. Inoltre, poiché la funzione renale in alcuni pazienti critici si puo ulteriormente deteriorare durante la degenza, in questi casi le decisioni assunte in merito alla profilassi devono essere riconsiderate in base all'evoluzione del quadro clinico e alle modificazioni della funzionalitaé renale.

Criteridiscelta in relazione alla funzione renale

Tenuto conto che molti farmaci usati in profilassi hanno una via di eliminazione renale, le ACCP [2] raccomandano forte-mente, prima di iniziare la profilassi, specie con EBPM o con fondaparinux e in particolare nei soggetti anziani e nei diabetici, di prestare sempre attenzione alla funzione renale.

• Nei soggetti con normale funzione renale, le EBPM, per la loro efficacia, maneggevolezza e minore incidenza di HIT, sono i farmaci di prima scelta indicati in profilassi, sia nei pazienti chirurgici sia nei pazienti internistici [1,2,13]. In questi casi, la decisione di impiegare alte o basse dosi (tabella 3) dipende soprattutto dal grado di rischio trombotico individuale del paziente. In linea generale, nei

Tabella 3 Basse o alte dosi di ENF e di EBPM.

ENF EBPM

Basse dosi 0,2 (5.000 U)/12 ore Dalteparina 2.500 U anti-Xa/24 ore Enoxaparina 2.000 U anti-Xa/24 ore

Alte dosi 0,2 (5,000 U)/ 8 ore Dalteparina 5.000 U anti-Xa/24 ore Enoxaparina 4.000 U anti-Xa/24 ore

pazienti internistici sono da preferirsi le ''alte dosi'', perché hanno dimostrato una superiore efficacia.

• Nei soggetti con insufficienza renale di grado lieve-mode-rato, si possono utilizzare con prudenza le EBPM alle le dosi raccomandate per la profilassi, sulla base di recenti evi-denze apparse in letteratura [1,6,17,19].

Studi recenti di farmacocinetica che hanno utilizzato la dalteparina [17] e trial controllati prospettici in pazienti critici [19], con vari gradi di insufficienza renale, hanno mostrato che la dalteparina, alle dosi usate in profilassi, non determina bioaccumulo di attivita anti-Xa e non comporta un rischio aumentato di sanguinamento, anche in soggetti con danno renale acuto e in dialisi [19]. Questi risultati, seppur incoraggianti, vanno interpretati con cautela e in ogni caso, quando viene prescritta una terapia prolungata con EBPM, il paziente con insufficienza renale necessita di sorveglianza clinica e laboratoristica. Gli studi che hanno preso in considerazione una EBPM a pm pié basso, come l'enoxaparina, hanno mostrato che si verifica una riduzione della clearance dell'attivita anti-Xa, nei soggetti con VFG < 30 mL/min.

• Le ACCP 2008 [13], nei pazienti con insufficienza renale severa (VFG < 30 mL/min), suggeriscono una riduzione del 50% della dose usuale se si prescrive in profilassi l'enoxaparina. Vista la diversita tra le varie preparazioni di EBPM, al momento non si conosce quale sia la dose ridotta appro-priata applicabile per altre EBPM nei pazienti con insufficienza renale severa. In alcune linee guida viene indicata una riduzione empirica della dose. Questo atteggiamento non é del tutto condivisibile, perché se da un lato riduce il rischio di sanguinamento, dall'altro espone al pericolo di dosi inadeguate, non efficaci. Anche se il monitoraggio dell'attivita anti-Xa non é esplicitamente richiesto nelle varie Linee Guida, tuttavia pué risultare utile nei pazienti con insufficienza renale, specie in caso di profilassi pro-lungata. Il dosaggio dell'attivita anti-Xa si esegue a 4 ore dall'iniezione [13]. Inoltre, se il paziente presenta seri fattori di rischio per sanguinamento, anche in profilassi, e preferibile utilizzare una ENF [2].

Una recente metanalisi sulla sicurezza delle EBPM, a dosi terapeutiche standard in pazienti con MRC, che comprendeva 12 studi con enoxaparina su 18, ha mostrato un rischio di sanguinamento incrementato di 2-3 volte nei pazienti con VFG < 30 mL/min [12]. Pertanto, nel setting di pazienti con insufficienza renale severa (VFG < 30 mL/min), quando vi e la necessita di terapia anticoagulante, l'impiego di ENF evita i problemi di sanguinamento dovuti al bioacccumulo di EBPM [2,4].

Profilassiantitrombotica nel paziente sottoposto a terapia dialitica sostitutiva

Anche i pazienti uremici, sottoposti a trattamento dialitico regolare (emodialisi/dialisi peritoneale), possono presentare la necessita di una profilassi antitrombotica in alcune situazioni cliniche, quali un intervento chirurgico in urgenza o in elezione, o per prevenire una TEV in caso di prolungati periodi di immobilita. Da diversi anni e noto che i pazienti uremici in dialisi presentano una maggiore diatesi emorra-gica di origine plurifattoriale [7]. Esiste, infatti, in questi pazienti, un difetto funzionale nell'interazione tra il fattore di von Willebrand con le glicoproteine IIb-IIIa che puù causare un difetto di adesione e aggregazione piastrinica e potrebbe inibire anche l'interazione tra le piastrine e l'endoteliovascolare. Le piastrine dell'uremicohanno, inol-tre, un ridotto contenuto di adenosina difosfato e di serotonina [7].

A partire da queste considerazioni fisiopatologiche, e tenuto conto che nei pazienti uremici spesso si impiegano farmaci antiaggreganti piastrinici, oltre all'esposizione intermittente all'eparina durante il trattamento dialitico, indipendentemente dal tipo di eparina impiegata (frazionata o non frazionata), e necessario comunque adottare una maggiore sorveglianza clinica e laboratoristica. Controlli frequenti di emocromo, assetto coagulativo, dosaggio anti-Xa si rendono necessari in caso di profilassi prolungata. Inoltre, non sarebbe consigliabile utilizzare una EBPM in un paziente con grave deficit funzionale renale laddove il laboratorio non abbia la possibilité di monitorare agevolmente l'attivita anti-Xa [б]. Sanguinamenti maggiori con compli-canze gravi per il paziente sono stati segnalati in soggetti in dialisi con l'impiego di EBPM a dosaggio terapeutico pieno [11]. Viceversa, la profilassi con una EBPM a catena più lunga, come la dalteparina, puoé essere effettuata con una certa sicurezza anche nei pazienti con insufficienza renale cronica [б] o acuta per periodi di circa 7 giorni [19].

Una raccomandazione che tiene conto della complessita dei pazienti con insufficienza renale suggerisce nei pazienti instabili, o che sono candidati a un intervento chirurgico urgente, o con aumento del rischio di sanguinamento, di preferire l'ENF per l'emivita piu breve e per la possibilité di essere facilmente neutralizzata con il solfato di protamina [б].

Profilassiantitrombotica nel paziente portatore ditrapianto renale funzionante

Nel paziente portatore di trapianto renale funzionante potrebbe rendersi necessaria una profilassi farmacologia per TEV. Anche per questi soggetti e necessario valutare il bilancio tra rischio trombotico e aumentata tendenza al sanguinamento, considerando che spesso sono in terapia con antiaggreganti piastrinici. Pertanto, per valori di VFG < 6o mL/min e utile adottare precauzioni di maggiore sorveglianza clinica (controllo emocromo, dosaggio aPTTecc).

Per quanto riguarda la dose e la scelta del farmaco da utilizzare per la profilassi farmacologia e la sorveglianza clinica, e utile fare riferimento ai valori di VFG stimato e graduare la terapia a seconda dei consueti intervalli di valore del VFG:

• VFG > 60 mL/min;

• VFG tra 59 e З0 mL/min;

• VFG < З0 mL/min.

Utilizzo del fondaparinux nei pazienti con insufficienza renale

Il fondaparinux e un anticoagulante di sintesi che catalizza l'inattivazione antitrombina-dipendente del fattore Xa. Il pm e circa 1.728 D e l'emivita e circa 17 ore [8] nei soggetti giovani e 21 ore negli anziani [1З]. La sua attivita anti-Xa e superiore a quella dell'EBPM [1З].

Le ultime ACCP [2], prevedono l'utilizzo del fondaparinux nella profilassi di pazienti selezionati ad altissimo rischio trombotico (per esempio chirurgia ortopedica maggiore o compresenza di multipli fattori di rischio) e nei pazienti con sospetta o pregressa piastrinopenia da eparina. In base a recenti evidenze, trova indicazione anche nella sindrome coronarica acuta [20].

Tuttavia, il fondaparinux necessita di precauzioni ulteriori quando viene utilizzato in pazienti con insufficienza renale. In questi casi puo essere indicato il consulto con il medico specialista in malattie della coagulazione.

Infatti, il rene e la principale via di clearance del farmaco, che viene eliminato immodificato con le urine. La clearance delle dosi utilizzate in profilassi (2,5 mg sc/die) risulta ridotta a seconda del grado di MRC rispetto ai soggetti con normofunzione renale [8]. Nei soggetti con clearance della creatinina compresa tra 50 e 80 mL/min si riscontra un'eli-minazione di fondaparinux ridotta del 25%; nei soggetti con clearance della creatinina compresa tra З0 e 50 mL/min si ritrova un'escrezione ridotta del 40% e per i soggetti con grave insufficienza renale con clearance della creatinina < З0 mL/min l'eliminazione di fondaparinux e ridotta a meno del 55%. Pertanto, quando e indispensabile effettuare una profilassi con fondaparinux, le ACCP 2008 [1З] raccomandano una riduzione della dose del 50% nei soggetti con clearance della creatinina < 50 mL/min, mentre l'uso e controindicato nei soggetti con VFG < З0 mL/min [1З]. Poiché l'eliminazione del farmaco avviene esclusivamente per via renale, dosi terapeutiche (5-7,5 mg/die) sono controindicate in pazienti con insufficienza renale grave. Il rischio di accumulo e di sanguinamento e molto consistente e purtroppo non si dispone di un farmaco capace di antagonizzare efficace-mente il fondaparinux.

Altre modalita di profilassi

L'applicazione di alcune misure generali, come la mobiliz-zazione precoce dei pazienti o un'opportuna idratazione, puo fornire un contributo importante per prevenire l'insorgenza di TEV. Nel paziente con insufficienza renale grave o giù in dialisi, e necessario valutare caso per caso se sussista il margine clinico per un'idratazione abbon-dante, che potrebbe viceversa complicarsi con un sovraccarico acuto di liquidi e ripercussioni a livello car-diopolmonare.

L'utilizzo di metodi meccanici rappresenta un'opportuna alternativa nei pazienti a elevato rischio di TEV, in cui si riscontrano un elevato rischio di sanguinamento o controindicazioni assolute all'uso di anticoagulanti. I metodi meccanici nel loro insieme (CE e CPI) non sono corredati di studi cosi consolidati come quelli effettuati nell'ambito della profilassi con eparina.

In molte condizioni, l'associazione di profilassi farmacologica e metodi meccanici puo essere vantaggiosa, per esempio

nei soggetti con traumi maggiori ed elevato rischio iniziale di sanguinamento. In questi soggetti si puè iniziare con l'uso di una profilassi meccanica e poi passare a quella farmacologica, una volta stabilizzate le condizioni generali.

Le controindicazioni assolute o relative alla profilassi farmacologica e all'uso di presidi compressivi meccanici sono riassunte in tabella 2.

Trattamento del sovradosaggio di eparina Antagonizzare una ENF

Il solfato di protamina è in grado di antagonizzare gli effetti del sovradosaggio di una ENF. In linea di massima, 1 mg di solfato di protamina all'1% neutralizza 100 UI di ENF; per-tanto 50 mg di protamina neutralizzano 5.000 UI di eparina. La quantitaè di solfato di protamina richiesta dipende della dose di eparina somministrata e dal tempo intercorso dal-l'ultima somministrazione. La dose di protamina che si deve utilizzare si riduce in proporzione al tempo trascorso dalla somministrazione del bolo di eparina (subito dopo il bolo, si somministra il 100% della dose; dopo un'orail 50%; dopo2ore il 25%).

In caso di trattamento con eparina calcica si deve som-ministrare una dose di protamina in grado di neutralizzare circa il 25% dell'ultima dose eparinica. Poiche il solfato di protamina neutralizza solo l'eparina circolante e non quella depositata in sede di iniezione, sarèa opportuno ripetere una seconda dose di 2 mL fra l'ottava e la dodicesima ora. Se l'incidente emorragico si verifica dopo la sesta ora dall'inie-zione di calciparina, è sufficiente iniettare endovena 2 mL di solfato di protamina all'1%.

L'emivita del solfato di protamina è di circa 7 min.

Antagonizzare una EBPM

Non vi sono terapie disponibili in grado di antagonizzare con sicurezza e completamente l'attivitè anticoagulante della EBPM. La protamina sembra neutralizzare non piu del 60% dell'attivitè anti-Xa di una EBPM.

Nelle condizioni cliniche in cui sia necessario neutraliz-zare l'effetto di una EBPM (somministrata in un arco di tempo di circa 8 ore), la dose di protamina e di circa 1 mg per 100 UI di anti-Xa di EBPM (1 mg di enoxaparina equivale a circa 100 U di anti-Xa). Se il sanguinamento continua, si puè sommini-strare una seconda dose da 0,5 mg di protamina per 100 UI di anti-Xa. Se l'EBPM e stata somministrata da oltre 8 ore, la dose di protamina necessaria a controllare il sanguinamento puè essere inferiore [15].

Interruzione della profilassi farmacologica prima di interventi e/o procedure interventistiche

Quando e necessario sottoporre il paziente a procedure interventive (per esempio esami endoscopici, biopsie, ecc), occorre sospendere la profilassi con eparina 10-12 ore prima della manovra. La terapia potrè essere ripresa solamente dopo almeno 6 ore dalla procedura.

Conflitto di interessi

Gli autori dichiarano di essere esenti da conflitti di interesse.

Bibliografia

[1] SpyropoulosAC, MahanC. Venous thromboembolism prophylaxis in the medical patient: controversies and perspectives. Am J Med 2009;122(12):1077—84.

[2] Geerts WH, Bergqvist D, Pineo GF, Heit JA, Samama CM, Lassen MR, et al., American College of Chest Physicians. Prevention of venous thromboembolism: American College of Chest Physicians Evidence-Based Clinical Practice Guidelines (8th Edition). Chest 2008;133(6 Suppl):381S—453S.

[3] Kahn SR, Panju A, Geerts W, Pineo GF, Desjardins LT, Alexander GG, et al., CURVE study investigators. Multicenter evaluation of the use of venous thromboembolism prophylaxis in acutely ill medical patients in Canada. Thromb Res 2007;119(2):145—55.

[4] Dentali F, Douketis JD, Gianni M, Lim W, Crowther MA. Meta-analysis: anticoagulant prophylaxis to prevent symptomatic venous thromboembolism in hospitalized medical patients. Ann Intern Med 2007;146(4):278—88.

[5] Geerts WH, Pineo GF, Heit JA, Bergqvist D, Lassen MR, Colwell CW, et al. Prevention of venous thromboembolism: the Seventh ACCP Conference on Antithrombotic and Thrombolytic Therapy. Chest 2004;126(3 Suppl):338S—400S.

[6] Schmid P, Fischer AG, Wuillemin WA. Low-molecular-weight heparin in patients with renal insufficiency. Swiss Med Wkly 2009;139(31—32):438—52.

[7] Sohal AS, Gangji AS, Crowther MA, Treleaven D. Uremic bleeding: pathophysiology and clinical risk factors. Thromb Res 2006; 118(3):417—22.

[8] Crowther M, Lim W. Low molecular weight heparin and bleeding in patients with chronic renal failure. Curr Opin Pulm Med 2007;13(5):409—13.

[9] Wein L, Wein S, Haas SJ, Shaw J, Krum H. Pharmacological venous thromboembolism prophylaxis in hospitalized medical patients: a meta-analysis of randomized controlled trials. Arch Intern Med 2007;167(14):1476—86.

[10] Martel N, Lee J, Wells PS. Risk for heparin-induced thrombocytopenia with unfractionated and low-molecular-weight heparin thromboprophylaxis: a meta-analysis. Blood 2005;106(8): 2710—5.

[11] Farooq V, Hegarty J, Chandrasekar T, Lamerton EH, Mitra S, Houghton JB, et al. Serious adverse incidents with the usage of low molecular weight heparins in patients with chronic kidney disease. Am J Kidney Dis 2004;43(3):531—7.

[12] Lim W, Dentali F, Eikelboom JW, Crowther MA. Meta-analysis: low-molecular-weight heparin and bleeding in patients with severe renal insufficiency. Ann Intern Med 2006;144(9):673— 84.

[13] Hirsh J, Bauer KA, Donati MB, Gould M, Samama MM, Weitz JI, American College of Chest Physicians. Parenteral anticoagulants: American College of Chest Physicians Evidence-Based Clinical Practice Guidelines (8th Edition). Chest 2008;133(6 Suppl):141S—59S.

[14] Hirsh J, Anand SS, Halperin JL, Fuster V, American Heart Association. Guide to anticoagulant therapy: Heparin: a statement for healthcare professionals from the American Heart Association. Circulation 2001;103(24):2994—3018.

[15] Hirsh J, Raschke R. Heparin and low-molecular-weight heparin: the Seventh ACCP Conference on Antithrombotic and Throm-bolytic Therapy. Chest 2004;126(3 Suppl):188S—203S.

[16] Nagge J, Crowther M, Hirsh J. Is impaired renal function a contraindication to the use of low-molecular-weight heparin? Arch Intern Med 2002;162(22):2605—9.

[17] Schmid P, Brodmann D, Fischer AG, Wuillemin WA. Study of bioaccumulation of dalteparin at a prophylactic dose in patients with various degrees of impaired renal function. J Thromb Haemost 2009;7(4):552-8.

[18] Tincani E, Mannucci C, Casolari B, Turrini F, CrowtherMA, Prisco M, et al. Safety of dalteparin for the prophylaxis of venous thromboembolism in elderly medical patients with renal insufficiency: a pilot study. Haematologica 2006;91(7):976—9.

[19] Douketis J, Cook D, Meade M, Guyatt G, Geerts W, Skrobik Y, et al., Canadian Critical Care Trials Group. Prophylaxis

against deep vein thrombosis in critically ill patients with severe renal insufficiency with the low-molecular-weight heparin dalteparin: an assessment of safety and pharmacodynamics: the DIRECT study. Arch Intern Med 2008;168(16): 1805—12.

[20] Yusuf S, Mehta SR, Chrolavicius S, Afzal R, Pogue J, Granger CB, et al., Fifth Organization to Assess Strategies in Acute Ischemic Syndromes Investigators. Comparison of fondaparinux and eno-xaparin in acute coronary syndromes. N Engl J Med 2006; 354(14):1464—76.